APRILE 2013 - www.charlesgarage.com

Vai ai contenuti

Menu principale:

APRILE 2013

NOVITA' > SOLDATINI > 2013




KING & COUNTRY
1/30 - 60mm

Molte e interessanti le novità nel dispaccio mensile proveniente da quel di Hong Kong.

Se dobbiamo scegliere mettiamo al primo posto i nuovi set dell'Armata Rossa sempre molto richiesti dai collezionisti. Graziose le due soldatesse armate di tutto punto e avvolte nei pesanti cappotti. Ma andiamo per ordine.

Come di solito avviene in questi casi apre la parata un veicolo da combattimento. Questa volta si tratta di un carro inglese Valentine MkIII in dotazione all'esercito russo facente parte degli ingenti aiuti alleati inviati all'orso sovietico; infatti oltre duemila di questi carri furono spediti dalla Gran Bretagna alla Russia. Il modello riprodotto da King&Country
porta il numero 39 e ha il proprio comandante mezzo-busto in torretta (cod. RA-038).
I set di fanteria iniziano con un ufficiale con berretto con visiera e mitra alla mano (cod. RA-040), seguono una affascinante guerriera con coda di cavallo (cod. RA-041), un cecchino con elmetto steso a terra (cod. RA-042), un fante inginocchiato con bustina e uno in avanzamento con elmetto (codici RA-043 e 044) ed un'altra soldatessa con mitra intenta a far fuoco (cod. RA-045).
Ecco infine un gruppetto di tre 'tank-riders'
da sistemare su uno dei carri dell'Armata di Stalin pronti per farsi trasportare al fronte, molto belli e utili per vivacizzare il nostro solito diorama (codici RA-046, 047 e 048).

Per rimanere in tema di veicoli meccanizzati, dei loro comandanti e di fronti diversi quel 'geniaccio' del direttore creativo di K&C presenta due interessantissime coppie di comandanti di carro tedeschi a mezzo-busto da poter sistemare in torretta su veicoli diversi così da poter diversificare l'aspetto delle nostre ambientazioni.
Due sono in versione invernale e due in tenuta estiva, rispettivamente codice WS-223a e WS-223b. Probabilmente verranno prodotti anche dei carri simili tra loro (magari con le insegne che il collezionista può applicare da solo!!...forse corriamo troppo con la fantasia!) con i quali si possono infoltire le colonne meccanizzate e sulla torretta dei quali possono essere collocati questi comandanti dalle sembianze diverse.
Comunque un progresso nel lasciare all'appassionato un margine di creatività maggiore che secondo noi non va sottovalutato ma che anzi potrebbe essere intensificato con la produzione di ulteriori figurini ed accessori.

Insieme ai due set appena passati in rassegna arriva un classico carro dell'esercito tedesco.
Parliamo del mitico Panzer IV versione H che venne costruito in oltre tremila esemplari e fu presente su tutti i fronti del secondo conflitto mondiale. Qui è in mimetica a tre colori tipica dell'ultimo periodo di guerra, il cannone è un 75mm e in torretta vi è il solito comandante in uniforme nera (cod. WS-219).

Un gradito ritorno interessa invece la prima guerra mondiale e riprende il tema della Brigata Leggera Australiana in Palestina che continua a mietere successi tra gli appassionati.
Ormai è un appuntamento biennale quello con questo famoso contingente di cavalleria dedicato in primis ai collezionisti di quel paese oceanico che, godendo di una congiuntura economica più favorevole di quella che si registra nel resto del pianeta, è divenuto uno dei mercati più appetibili anche per i produttori di soldatini.

Molto interessante anche in questa serie una bella intuizione di Neilson riguardante la realizzazione di quattro cavalli senza cavaliere (noi diremo 'scossi') due in corsa e due fermi (codici AL-045, 046, 047 e 048) che con tutta probabilità hanno perduto il loro cavalleggero durante la carica lanciata contro le postazioni turche di Beersheba.
Sicuramente avremo in seguito anche i soldati che montavano questi animali forse feriti o moribondi a terra. Uno lo vediamo salire sulla groppa del cavallo del suo commilitone nel drammatico set codice AL-052.
Abbiamo poi un ufficiale con sciabola sguainata in una posa molto dinamica (cod. AL-051) e un altro cavalleggero su un focoso cavallo nero con moschetto spianato a sparare (cod. AL-053).
Per finire due soldati turchi completano il gruppo di aprile. Uno intento a parlare al telefono da campo per chiedere rinforzi e contemporaneamente a sparare con la pistola (cod. AL-049) e l'altro leggermente accucciato forse impegnato a ripararsi da una cavalcatura nemica in arrivo (cod. AL-050).
Abbiamo già detto ma ci piace ribadirlo che a nostro avviso questa è una delle collezioni più originali e riuscite della K&C.

Un'altra serie di indubbio gradimento presso gli appassionati è quella dedicata alla battaglia di Alamo dove un piccolo esercito di duecento valorosi texani affrontò per nove giorni le truppe soverchianti del dittatore messicano Santana che soffocò nel sangue le loro aspettative di indipendenza (1836).

Cinque sono i set realizzati, quattro relativi ai difensori dell'antica missione spagnola e uno all'esercito del messico.
Quest'ultimo raffigura il generale Cos in uniforme da ussaro e bicorno impiumato (cod. RTA-066) mentre i difensori sono il capitano John Baugh nativo della Virginia (cod. RTA-067), il texano Antonio Fuentes (cod. RTA-068), il capo chirurgo del piccolo ospedale della guarnigione Dr. Polland Amos (cod. RTA-069) e per ultimo il soldato Charles Henry Clark facente parte del distaccamento dei New Orleans Grays (cod. RTA-070).



APRILE 2013
LE NOVITA'



ANTEPRIMA - JOHN JENKINS DESIGNS
1/30 - 60mm


Jenkins è sempre molto impegnato a portare avanti tutto da solo la produzione della sua ditta ma non sempre riesce a dare ai collezionisti che lo seguono da anni le realizzazioni che essi desiderano.
Abbiamo detto più volte che trascurare pesantemente un cavallo di battaglia come le Guerre Franco-Indiane è stato da parte sua un errore piuttosto marcato anche se è indubbio che le altre serie non siano da meno per interesse e qualità.

Certamente il lavoro è tanto e per un uomo solo non è davvero facile stare dietro le richieste di centinaia di collezionisti. Come affermato più volte, visto che la bravura e l'ingegno non mancano, forse ci sarebbe bisogno di una organizzazione diversa e qualche collaborazione in più.
Comunque sia sono state appena rivelate alcune prossime novità dalla JJD
e sembra evidente, ma forse è troppo presto per dirlo, un ritorno agli antichi amori.

Alcuni master di figurini dedicati alle Guerre Franco-Indiane mirabilmente scolpiti e diffusi sui forum fanno ben sperare: un terzetto di magnifici regolari francesi del Reggimento Bearn, un bellissimo granatiere in marcia del 35° reggimento inglese e un indiano delle foreste accucciato con il suo moschetto ci riportano indietro di qualche anno facendoci di nuovo sognare.

Pare anche siano pronti a entrare in scena i soldati austriaci della battaglia di Leuthen (Guerra dei Sette Anni) e alcuni nuovi artiglieri inglesi del periodo napoleonico.
Auguriamo al nostro autore di trovare presto la strada giusta per riuscire ad accontentare tutti con uscite più numerose e più vicine ai desideri degli appassionati.




JOHN JENKINS DESIGNS
1/30 - 60mm

In attesa del 'ritorno al futuro', come abbiamo denominato la prossima rimpatriata di Jenkins nelle Guerre Franco-Indiane, arrivano alcune conferme e altre novità con il dispaccio di aprile 2013.

Tra le conferme vi è una edizione limitata a cento esemplari del monoplano russo Polikarpov I-16 della aviazione repubblicana spagnola (cod. REP-05) annunciato qualche mese fa.
Facente parte della 1a Squadriglia 'Moscas'
(dal soprannome Mosca dato all'aereo dai Repubblicani) il CM-023 era pilotato dall'asso statunitense Frank Glagow Tinker che ottenne diverse vittorie sui biplani italiani Fiat CR.32 e anche sui non ancora perfetti Bf 109A tedeschi.
L'I-16 era un aereo dal disegno rivoluzionario introdotto nella seconda metà degli anni trenta. All'inizio della seconda guerra mondiale formava il blocco più consistente dell'aviazione sovietica ma i caccia tedeschi avevano ormai raggiunto le ben note caratteristiche di qualità con cui era arduo competere.
Insieme all'aereo sarà disponibile anche il figurino dell'americano Tinker.

Altro set atteso da tempo è l'Hangar britannico in colore verdone che sarà finalmente pronto dal prossimo mese (cod. BGC-10) insieme al simpatico meccanico addetto alle pitture fornito ovviamente di pennello e barattoli di vernice (cod. BGC-11).
Ancora alla collezione 'Knights of the Skies'
appartengono il conducente a mezzo-busto della autoblindo Rolls Royce inglese presentata in marzo (cod. BGC-03A) e un delizioso set composto da un pilota tedesco che guarda attraverso un telescopio (cod. GGC-11). La sola piacevole fattura dello strumento di osservazione vale l'acquisto del set.

E veniamo alle novità a cui appartengono alcuni fucilieri napoleonici in marcia prodotti per la serie dedicata all'invasione della penisola iberica da parte dell'esercito francese (1807-1814).
Assolutamente inaspettati e ottimamente scolpiti (forse un po' troppo 'rattoppati') questi fanti appartengono alla quarta compagnia del 66° reggimento (pon-pon violetto sullo Shako) e l'autore ci informa che saranno prodotte tre differenti pose di marcia (vedi foto) ognuna delle quali con i pantaloni bianchi o marroni. Avremo quindi sei versioni.
Per primi saranno presentati i due fucilieri con braccio in basso uno con pantaloni bianchi e il secondo con pantaloni color marrone (rispettivamente codici PFL-05W e 05B).
Novità nella novità avremo anche un set composto da quattro soldati marcianti, due di un tipo e due dell'altro, con i quali si potranno infoltire più velocemente le schiere francesi (cod. PFL-05N).
Eravamo tra coloro che si auguravano un ritorno alle confezioni di tre o quattro figurini e finalmente John Jenkins ha ascoltato le esortazioni provenienti dai collezionisti, nella speranza che il riscontro destato da questi multi-set sia favorevole e il produttore invogliato a continuare.
Confidiamo infatti che tale politica prosegua anche con i nuovi reggimenti inglesi e francesi delle mitiche Guerre Franco-Indiane.

Anche per la nuova serie dedicata al corpo dei Marines americani è in arrivo un set di quattro figurini marcianti (cod. 1812M-05N) oltre ovviamente il soldatino singolo (cod. 1812M-05).
Si tratta di un soldato del periodo attinente alla guerra del 1812, quella contro la Gran Bretagna per la contesa dei territori canadesi.
I Marines, nonostante il numero esiguo di soldati inquadrati a quel tempo nel corpo, parteciparono a quasi tutti gli scontri che avvennero in quel conflitto compresa la famosa battaglia di New Orleans.
Proseguendo nella scia delle realizzazioni appartenenti a questa serie sembra si alterneranno Marines della Guerra Civile Americana a quelli della Guerra del 1812.

Chiudiamo la rassegna con un set raffigurante un nuovo marinaio della Brigata Navale Inglese alla guerra del Sudan (1884) che in una posa dinamica partecipa con i suoi commilitoni alla difesa della mitragliatrice Gatling fendendo sciabolate contro gli impetuosi guerrieri Mahdisti (cod. SRN-06).



WILLIAM BRITAIN
1/32 - 54mm


Il programma di uscite della casa anglo-americana per il prossimo semestre è molto nutrito e riguarderà tutte le sue principali collezioni.
Nel 2013 la Britain festeggerà anche il suo 120° anniversario e tra il 2012-2013 ricorre anche il cento cinquantenario della Guerra Civile Americana. Unendo queste due date importanti una grande fetta della produzione di Britain si rivolgerà ai collezionisti, e sono tanti, di questo terribile conflitto tra fratelli che insanguinò gran parte del continente nord americano.

Proprio alla Guerra Civile (1861-1865) appartengono quattro musicisti dell'esercito dell'Unione, un Tamburo Maggiore, un piffero, un tamburino e un tamburo grande (codici WB31202, 31203, 31204 e 31205).
Un set della serie 'Art of War of Keith Rocco'
chiamato 'Gettysburg Pickett's Charge' composto da otto figure (cod. WB31199).
Ancora un set di tre figurini chiamato 'The Last Meeting'
con i generali sudisti Lee, Jackson e Stuart (cod. WB31172).
Per la parte opposta sarà disponibile un gruppo di generali unionisti più un set molto bello con altri tre generali e una serie di accessori: i generali Hooker (cod. WB31171), Sickles (cod. WB31173), warren (cod. WB31174), Meade, Doubleday e Howard con tavolo, bandiera e altri oggetti (cod. WB31192).
Una serie di dieci fanti sudisti in varie pose (da cod. WB31175 a 31183 e 31187) più un gruppo di Zuavi nordisti del 114° Pennsylvania (codici WB31184, 31185 e 31186, 31193, una scenetta 31194, un portastendardo 31195 e un tamburino 31201) si andranno ad aggiungere agli eserciti contrapposti.

Molto attraenti come al solito alcuni accessori, linea in cui questo produttore eccelle.
Uno di questi riproduce fedelmente il quartier generale del generale nordista Meade a Gettysburg (cod. WB51026), una costruzione davvero ben fatta che si combinerà perfettamente con le precedenti realizzate in maniera egregia da Britain, la fattoria e il pagliaio.
Così come saranno assolutamente in sintonia e molto utili ai dioramisti gli altri quattro piccoli accessori tra cui un gabinetto e una piccionaia (cod. WB51038).
Per chiudere un set di quattro pietre di varie misure da utilizzare al meglio in qualsiasi ambientazione (cod. WB51037).

Per la Guerra di Indipendenza Americana (1775-1783) una bella novità sono tre guerrieri Irochesi in altrettante pose molto interessanti, uno intento a sparare (cod. WB18064), uno in attacco con tomahawk (cod. WB18063) e per ultimo il capo Joseph Brant con moschetto e tomahawk (cod, WB18062).
Seguono quattro Continentali americani in attacco (codici da WB18050 a 18061).

Alla collezionatissima serie della Guerra Zulu appartengono alcuni set di indubbio interesse.
Un trio di combattimenti corpo a corpo alla missione di Rorke's Drift che vedono un soldato inglese del 24° reggimento contrastare un guerriero Zulu: una scenetta si svolge durante l'evacuazione del piccolo ospedale (cod. WB20120), le altre due nel corso dell'assalto Zulu al recinto del bestiame (codici WB20116 e WB20101 esclusività Modelzone).
Seguono un guerriero impegnato a sparare (cod. WB20117), un altro morente (cod. WB20118), un  inglese in pronto (cod. WB20122) e una ulteriore scenetta veramente di effetto di un ferito accudito da un infermiere (cod. WB20121).
La serie si chiude con due confezioni di muretti del recinto bestiame (codici WB51033 e 51034).

Restiamo in Africa per parlare di un'altra collezione di grande successo, la Guerra lungo il Nilo 'The War Along the Nile' (1884).
Quattro i set che incontreranno sicuramente il favore degli appassionati. Un marinaio della Brigata Navale inglese in ginocchio che spara (cod. WB27053), un corpo a corpo tra un altro marinaio e un guerriero Mahdista (cod. WB27054 limitato a 350 pezzi), un bellissimo set composto da cinque elementi che vede un traino della mitragliatrice Gatling preso d'assalto da tre Mahdisti e difeso da un marinaio britannico (cod. WB27055 limitato a 350 pezzi) ed infine un ennesimo marinaio che spara in piedi (cod. WB27056).
Prevediamo che tutti questi set andranno ben presto 'sold out' come si dice in Gran Bretagna.

Alla prima guerra mondiale Britain dedica un gruppetto di sei set, tre inglesi e tre tedeschi.
Tra questi ultimi vi è una postazione molto interessante di due soldati germanici con mitragliatrice appostati dietro una collinetta di terra (cod. WB23041) seguita da un ufficiale in avanzamento con pistola (cod. WB23048) e un fante in corsa con fucile (cod. WB23049).
I britannici sono tre fanti di cui rispettivamente uno che avanza, uno che spara e uno in attesa in trincea di lanciarsi all'assalto (codici WB23046, 23047 e 23050).
Come accessorio troviamo un cartello inglese da trincea con avviso di pericolo (cod. WB51800).

Per rendere omaggio ad una impresa della seconda guerra mondiale portata a termine con successo dalla Royal Air Force britannica, Britain produrrà un set limitato a 750 pezzi raffigurante la coda di un bombardiere Lancaster mentre il suo equipaggio sale a bordo (cod. WB25017).
L'impresa di cui parliamo è la missione condotta sul suolo nazista da diciannove bombardieri (chiamati in seguito 'Dambusters'
) del 617° Squadrone nella notte del 16 maggio 1943 con l'obiettivo di colpire le dighe della Ruhr, cuore dell'industria militare tedesca.
Unitamente al precedente saranno disponibili altri due set, il primo raffigura l'ideatore del 'raid'
Maresciallo dell'Aria Sir Harris (cod. WB25022) e il secondo un pilota della RAF in compagnia del suo fido cagnolino (cod. WB25019).

Chiudiamo con la serie 'Museum Collection'
per la quale Britain presenterà tre Marines di varie epoche e un portastendardo scozzese della Guerra di Crimea.
I Marines saranno disponibili nelle uniformi del 1859 (cod. WB10035), del 1833 (cod. WB10038) e nella famosa tenuta del 1941 del secondo conflitto mondiale (cod. WB10025) mentre lo scozzese appartiene al reggimento Black Watch Highlander del 1854 (cod. WB10029).

 
 





 
Torna ai contenuti | Torna al menu