DICEMBRE 2012 - www.charlesgarage.com

Vai ai contenuti

Menu principale:

DICEMBRE 2012

NOVITA' > SOLDATINI > 2012



DICEMBRE 2012
LE NOVITA'



KING & COUNTRY
1/30 - 60mm


Apriamo la pagina delle ultime novità programmate per il 2012 con un aereo molto atteso e richiesto dai collezionisti, specialmente quelli d'oltre Oceano.
Si tratta del leggendario Curtiss P40 in dotazione agli squadroni delle mitiche 'Tigri Volanti' (Flying Tigers) utilizzati in Cina nel biennio 1941-42 contro l'aviazione giapponese (quando gli Stati Uniti non erano ancora entrati ufficialmente in guerra) e pilotati da un valoroso gruppo di novanta volontari dell'US Air Force americana (1st AVG American Volunteer Group).

L'apparecchio con la dentatura dello squalo sul muso, realizzato dalla King&Country in soli 250 esemplari (cod. AF-018), porta il numero 88 e apparteneva all'asso dell'aria Kenneth A. Jernstedt che riportò ben dieci vittorie contro il nemico durante il suo servizio con le 'Tigri'.
Insieme all'aereo come d'abitudine vengono presentate un paio di miniature raffiguranti due piloti, lo stesso Jernstedt con giaccone di pelle e berretto a calottina (cod. AF-025) e David 'Tex' Hill, un altro famoso componente del gruppo con al suo attivo dodici vittorie, mentre prende visione di una mappa (cod. AF-024).
Entrambi i piloti portano in evidenza sulla schiena il 'Blood Chit' con bandiera e caratteri cinesi, uno strumento di riconoscimento che assicurava loro un aiuto in territorio cinese in caso di atterraggio di fortuna.

Restiamo in Cina ma andiamo indietro di qualche secolo e precisamente all'epoca imperiale del grande paese asiatico.
Come sappiamo la ditta K&C ha molti estimatori anche dalle sue parti e per soddisfare l'interesse storico dei suoi clienti dell'Estremo Oriente, e non solo, da molti anni ha dato vita a un paio di collezioni molto colorate e di indubbia qualità che mettono in risalto gli aspetti più caratteristici delle antiche tradizioni cinesi.
Per la serie dedicata all'Impero ecco arrivare un fantastico forte di frontiera (fatto di pali in legno intrecciati tra loro) composto da diverse sezioni che potranno essere assemblate insieme e formare un avamposto più o meno grande secondo il desiderio del collezionista.
Abbiamo perciò una torre centrale con porte apribili, tetto di paglia, piano superiore per le sentinelle e scala (cod. IC-051). Una per lato da affiancare alla precedente un paio di strutture con ballatoio da adibire a magazzini o alloggi per la guarnigione (codici IC-052 e 053) ed infine due elementi di palizzata, uno dritto e l'altro angolare, con i quali estendere il perimetro del forte (cod. IC-054).
Questa nuova proposta intrigherà non poco gli amanti delle ambientazioni che potranno inserire i guerrieri fin qui collezionati in una struttura degna di mettere in risalto gli abiti sgargianti e le armature di un periodo storico davvero affascinante.

Per quanto riguarda invece la collezione sorella dedicata alla vita nelle strade della vecchia Hong Kong troviamo tre simpatiche scenette raffiguranti la prima uno scrivano con la sua cliente (cod. HK-205), una madre con ombrellino e il suo bambino sulla schiena (cod. HK-206) ed infine il 'dio della fortuna' un personaggio tradizionale della cultura cinese (cod. HK-207).

Continuiamo nel nostro ideale giro del mondo soffermandoci sul continente nord americano per prendere visione di un fatto d'armi nel quale K&C entra, non tra i primi dobbiamo dire, con tutta la sua esperienza di produttore leader del settore.
Parliamo della battaglia di Little Bighorn che ebbe luogo il 25 giugno del 1876 tra il 7° Cavalleria del tenente colonnello George Armstrong Custer e una forza mista composta da pellirosse delle tribù Sioux, Lakota, Cheyenne e Arapaho.
Come sappiamo Custer ebbe la peggio ed ancora oggi si discute se lo scontro fu un gesto di indomito coraggio o la conseguenza della sua sfrenata ambizione.
Fatto sta che forse non sentivamo il bisogno di una nuova serie dedicata a questo avvenimento e meglio sarebbe stato a nostro avviso elargire tanta energia in altre direzioni. Vedremo comunque quale sarà l'accoglienza degli appassionati e solo su quel giudizio potremo valutare il successo o meno dell'iniziativa creativa di Andy Neilson.

Per primo ecco il tenente colonnello in persona come rappresentato nei tanti film sull'argomento, pistole alla mano, casacca poco militare e cappello a larghe tese (cod. TRW-020), seguono il capitano Myles Keolgh in ginocchio con pistola e stendardo (cod. TRW-022), un trombettiere a terra intento a soffiare per l'ultima volta nel suo strumento (cod. TRW-023), un caporale che brandisce la carabina per difendersi dall'attacco degli indiani (cod. TRW-024) e un cavalleggero in ginocchio intento a sparare (cod. TRW-025).
Per ultimi un cavallo a terra morente (cod. TRW-030) e, mortalmente ferito, un altro soldato del 7° che si porta drammaticamente la mano alla testa (cod. TRW-031).
Il produttore di HK ci fa sapere che tra febbraio e maggio del prossimo anno avremo altre realizzazioni legate a questa famosa battaglia sia per l'uno che per l'altro schieramento, indiani a cavallo compresi.

Ad un altro famoso corpo di cavalleria sono dedicati tre set relativi al primo conflitto mondiale.
Proseguendo infatti nel favore incontrato presso i collezionisti arrivano in groppa ai cammelli tre componenti della Cavalleria Leggera Australiana impegnata a contrastare la potenza ottomana nello scacchiere medio orientale.
Una prima presentazione delle tre cavalcature con selle pittoresche e non rigorosamente militari è stata contestata sui forum dagli appassionati e, per venire incontro alla richiesta di bardature più consone, K&C ha realizzato tre nuovi equipaggiamenti più marziali e adeguati al famoso contingente australiano.
I sei set, tutti superbamente scolpiti, portano i codici AL-036 A e B, AL-037 A e B e AL-038 A e B.

Terminiamo il viaggio di questo mese in Europa e precisamente in Francia dove per la serie napoleonica troviamo otto set di figurini a cavallo sei dei quali dedicati al reggimento dei Granatieri a cavallo della Guardia Imperiale.
I primi due sono ufficiali, uno con sciabola intento a guardare i suoi uomini e l'altro con stendardo reggimentale (codici NA-217 e 218).
Seguono l'immancabile trombettiere (cod. NA-219) e tre granatieri due dei quali con sciabola e il terzo con moschetto (codici NA-220, 221 e 222).
Al comando troviamo Jean Baptiste Bessières, uno dei più fidati ed abili generali di Napoleone, e uno sconosciuto ma imponente ufficiale dei Corazzieri (codici NA-239 e 240).

A conclusione ricordiamo a tutti gli estimatori di questo grande fabbricante mondiale di soldatini che sabato 24 novembre 2012 si terrà a Carpi (Modena), organizzato dalla ditta importatrice SAIMEX, un incontro con il cofondatore e direttore creativo Andy Neilson che sarà lieto di incontrare i collezionisti italiani presso l'Auditorium San Rocco alle ore 15.
Sarà questa una imperdibile opportunità per gli appassionati di conoscere i programmi futuri di K&C e rivolgere all'ospite domande e richieste relative alle diverse collezioni. Per maggiori dettagli chiamare il numero 059699788.




JOHN JENKINS DESIGNS
1/30 - 60mm

Iniziamo la rassegna dedicata alla John Jenkins Designs con una novità del tutto inaspettata e molto interessante per i collezionisti della prima guerra mondiale.
Si tratta del carro britannico Medium Mark A Whippet, uno dei veicoli da combattimento più riusciti utilizzati durante la Grande Guerra.
L'esemplare realizzato da Jenkins replica il vero carro del 6° Battaglione numero 344 soprannominato 'Musical Box' (cod. GWB-01) che partecipò all'offensiva su Amiens (Francia) nell'agosto del 1918.
Con un equipaggio di tre uomini lo Whippet, prima di essere messo fuori combattimento dall'artiglieria tedesca, arrecò molte perdite al nemico sia in uomini che mezzi.
Il modello sarà disponibile nelle due versioni con portello aperto e chiuso. L'equipaggio verrà realizzato nella primavera del 2013.

Sempre alla prima guerra mondiale appartengono altri tre set della serie aeronautica 'Knights of the Skies'.
Il primo è un magnifico Fokker DR1 586/17 della Jasta 4 pilotato dall'asso tedesco Ernst Udet che riportò ben 62 vittorie durante il conflitto, secondo solo al grande Von Richthofen (cod. ACE-15).
Il triplano in questione è un vero capolavoro di colorazione, le linee sulle ali superiori e la fusoliera sono magistralmente disegnate e da questo mese sarà anche possibile sistemare questo, e gli altri aerei della collezione, in simulazione di volo su dei supporti in plastica trasparente appositamente realizzati dal fabbricante di HK. Nel gennaio prossimo sarà pronto anche il figurino del pilota tedesco Udet con la sua fidanzata Lola, soprannome di Eleanore Zink.

Seguono due set di meccanici, uno britannico e l'altro tedesco, che andranno ad arricchire le ambientazioni aeroportuali militari dei due eserciti.
Quello inglese completa il gruppo di addetti all'avvio dei motori iniziato in novembre (cod. BGC-07) mentre il set germanico si aggiunge ai due già realizzati e conterrà altri graziosi accessori come una scaletta, un innaffiatoio, un secchio ed altro (cod. GGC-09).

Altra novità assoluta e senz'altro gradita è una sezione di casa rurale in rovina con facciata e retro da utilizzare in diverse epoche ed ambientazioni.
Jenkins ha ritratto l'edificio (cod. PB-01) con le nuove uscite legate all'invasione napoleonica della penisola iberica ma sicuramente i dioramisti sapranno inserirla in altri contesti storici come la più recente guerra civile spagnola.
A proposito di Napoleone in Spagna e Portogallo è in arrivo una nuova coppia di Cazadores portoghesi nell'uniforme color cioccolato, uno in ginocchio impegnato a sparare e il commilitone in piedi a ricaricare il suo moschetto (cod. CAZ-03).

Alle battaglie combattute dalle truppe britanniche in Sudan sono dedicati un paio di set relativi ai loro nemici, il primo raffigura due Mahdisti in tunica bianca all'attacco con le lance (cod. SUD-07) mentre il secondo è composto da due scuri guerrieri Beja con fucile, uno in ginocchio e l'altro in piedi (cod. MAD-06).
Pian piano questo fatto d'armi sta assumendo la consistenza di figurini che merita come pure quello dedicato alla battaglia di Leuthen (guerra dei Sette Anni 1757) dove un set alla volta si sta infoltendo la schiera dei granatieri prussiani all'assalto della chiesa dove sono trincerate le truppe austriache. La coppia di dicembre è rappresentata da altri due granatieri in avanzamento (cod. LEUT-007).
Presto dovrebbe essere disponibile la struttura di cinta della chiesa annunciata gli scorsi mesi da Jenkins e presentata dipinta al recente Toy Soldier Show di Londra.

Per finire un paio di novità che finalmente vanno ad interessare un periodo piuttosto trascurato negli ultimi tempi.
Con un figurino e un accessorio nella sezione dedicata al Club facciamo infatti una rapida rimpatriata nel periodo delle guerre franco indiane.
Il personaggio è un ranger del contingente del Maggiore Rogers alla (ormai lontana) battaglia delle Snowshoes (cod. JJCLUBSET-15) mentre il secondo set riproduce un bel carro per la forgiatura in dotazione ai reggimenti di artiglieria inglese, una officina mobile per il fabbro o il maniscalco per riparare danni o ferrare cavalcature (cod. JJCLUBSET-16).
Una splendida idea per l'ambientazione di un accampamento o di un forte nelle selvagge lande del Nord America.



WILLIAM BRITAIN
1/32 - 54mm


Due interessanti novità per la serie 'Tactical Scenes' relativa ad accessori e componenti per ambientazioni che la Britain sforna con assiduità per dare ai collezionisti gli elementi aggiuntivi per esporre i loro figurini.

Con l'occhio rivolto alla guerra civile americana ecco arrivare due set di muretti poggiati su un dosso di terreno, il primo con due elementi paralleli (cod. WB51035) e il secondo composto da una sezione intera e due mezze porzioni con apertura centrale (cod. WB51036).






KRONPRINZ
1/32 - 54mm

Da questa ditta spagnola che si sta affermando nel mondo del soldatino con una quantità crescente di soggetti e una buona qualità di produzione arrivano alcune novità di indubbio interesse.
Citiamo tra le altre una bella serie dedicata alle truppe spagnole del Tercio che combatterono alla battaglia di Rocroi contro i francesi nel maggio del 1643, un episodio della Guerra dei Trent'anni.
In quello scontro i veterani picchieri iberici si batterono tenacemente fino allo stremo. Alla fine la cavalleria e l'artiglieria francese ebbero la meglio e, infrangendo le ultime resistenze, annientarono il valoroso Tercio spagnolo.
La Kronprinz ha realizzato per ora un paio di ufficiali, due soldati armati di picca e una scenetta con il comandante del Tercio ferito.
Da questo fatto d'armi è stato tratto il bel film 'Alatriste, il destino di un guerriero' con Viggo Mortensen.








 
Torna ai contenuti | Torna al menu