GENNAIO 2011 - www.charlesgarage.com

Vai ai contenuti

Menu principale:

GENNAIO 2011

NOVITA' > SOLDATINI > 2011




JOHN JENKINS DESIGNS
1/32 - 60mm

Per il mese di gennaio 2011 John Jenkins Designs propone alcune miniature relative alle collezioni già esistenti, le voci ricorrenti di nuove serie per ora non trovano riscontro. È pur vero che nella seconda metà del 2010 sono state presentate ben tre nuove tematiche, la Legione Condor, gli aerei della prima guerra mondiale e la battaglia di Carillon/Ticonderoga, e i collezionisti non possono certo lamentarsi. Bisogna vedere cosa uno si aspetta dal proprio produttore preferito ed è probabile che non tutti trovino nelle nuove realizzazioni il periodo storico che più interessa.

Jenkins presenta intanto ben due miniature rivolte ai membri del suo Club per il 2011. È interessante notare come l'artista scelga i suoi figurini annuali tra i personaggi storici suoi omonimi. Abbiamo avuto un Jenkins ufficiale dei Provinciali per il 2009, un altro John Jenkins ufficiale della fanteria leggera canadese nel 1812 per il 2010 ed ora, per l'anno appena iniziato, troviamo un Ranger di Rogers di nome Charles Jenkins (cod. JJCLUB-2011A) e un ufficiale statunitense alla battaglia di Chippewa del 1814 dal nome William Jenkins (cod. JJCLUB-2011B).
Insieme ai due si può acquistare il calendario 2011 e il volumetto Collector Club Annual 2010 con i set usciti in quell'anno. Tutto il pacchetto nella usuale elegante livrea rosso bordeaux che caratterizza i prodotti JJD.

Tre le novità per la serie dedicata alla Legione Condor, un carro radio Kleiner Panzerbefehlwagen 1 Ausf B (cod. COND-004) e due uomini di equipaggio con basco disponibili singolarmente. Il primo carrista ha le braccia rivolte verso il basso e può essere collocato con le mani appoggiate al bordo della torretta  (cod. COND-001A) mentre il secondo imbraccia un mitra (cod. COND-001B) e può essere posizionato sia a terra che a bordo del mezzo cingolato. Secondo quanto rivelato all'uscita della collezione dovrebbero seguire anche dei mezzi ruotati di supporto alla Legione con i rispettivi equipaggi. Sarà interessante vedere quali veicoli Jenkins sceglierà per il contingente di spedizione tedesco in Spagna, magari saranno dei mezzi inediti cari agli appassionati.

In sequenza abbiamo tre set i cui protagonisti sono dei valorosi combattenti scozzesi seppur appartenenti a periodi storici diversi. Per la battaglia di Fort Carillon troviamo un paio di meravigliosi Highlanders del 42° in pronto uno in ginocchio e il secondo in piedi (cod. TIC-008), per lo scontro di Culloden un travolgente Giacobita alla carica con moschetto (cod. JR-021) e per la campagna del Sudan un'altra coppia di Gordon Highlanders questa volta in posizione di attenti con fucile in spalla (cod. GDH-007).
Come sempre tutti i figurini in questione hanno pose molto genuine e sono dipinti con la maestria che contraddistingue questo produttore. Limitato il solo JR-021 a 500 esemplari.

Per finire la carrellata di inizio anno segnaliamo un equipaggio di artiglieria statunitense alla battaglia di Chippewa del 1814 composto da tre uomini (cod. USCHART-003). Molto convincenti le pose del gruppo specialmente il soldato in ginocchio intento a coprirsi le orecchie. Insieme agli altri due set già disponibili e ai bellissimi pezzi in offerta il team di artiglieria americana è davvero stupefacente.





GENNAIO 2011
LE NOVITA'




KING & COUNTRY
1/32 - 60mm


Dopo la ritirata precipitosa da Dunkirk nel 1940 l'esercito britannico aveva perduto sul suolo francese buona parte delle sue divisioni carri, i pochi cingolati rimasti furono spediti nel 1941 in Medio Oriente contro le divisioni di panzer tedeschi di gran lunga superiori ai corazzati inglesi.
In aiuto dell'alleato venne la potente industria militare americana fornendo alla Gran Bretagna il nuovo carro armato M3 'Lee'.
Gli inglesi ne ordinarono oltre duemila esemplari, ne ridisegnarono la torretta originale in modo da inserirvi una radio, ridussero di un membro l'equipaggio e lo ridenominarono 'Grant'.
Questo è il modello presentato da K&C per il mese di gennaio 2011 (cod. EA-043). Rappresenta uno degli M3 Grant dell'8° Armata inglese e più precisamente della ben nota 7° Divisione Meccanizzata chiamata 'The Desert Rats' (i topi del deserto) e veste la caratteristica tinta mimetica color sabbia e verde oliva contornata da linee bianche e nere.

Ancora all'esercito inglese in Africa sono dedicate altre sette novità del mese. Per prima abbiamo il capo indiscusso dell'8° Armata generale Bernard Montgomery (cod. EA-045). Fu 'Monty' (così soprannominato dai suoi soldati) l'uomo che riuscì a risollevare le sorti alleate in quell'importante scacchiere militare dopo i primi sfortunati insuccessi delle truppe britanniche.
Tra gli uomini che combatterono per 'Monty' nell'armata inglese vi erano anche alcune unità della Francia Libera e in particolare della famosa Legione Straniera al comando del generale De Gaulle.
Un gruppo di sei legionari è il primo contributo che K&C dedica a questi valorosi soldati.
Il primo figurino è un sergente che avanza armato di mitra Thompson (cod. EA-050), seguono due legionari con fucile uno in avanzamento (cod. EA-051) l'altro in corsa (cod. EA-052), due che sparano uno in ginocchio (cod. EA-053) e uno in piedi (cod. EA-054) e per ultimo uno con mitragliatrice steso a terra (cod. EA-055). In febbraio saranno presentati altri membri di questa unità.

La successiva serie di miniature presa in considerazione da K&C per l'inizio dell'anno fa parte della collezione 'Leibstandarte Adolf Hitler' che riproduce le famigerate SS e SA naziste.
Le camicie brune delle Sturmabteilung di triste memoria imperversavano negli anni venti e trenta per le strade germaniche e la loro presenza era resa ancora più visibile per le azioni violente e per le abitudini spesso fuori controllo dei loro appartenenti.
Pur nella affascinante riproduzione fatta da K&C questi figurini fanno ben trasparire quale clima gravoso si respirasse nella Germania di quegli anni.
'Streets of Berlin' (strade di Berlino) è il titolo dato al gruppo che segue.
Tre uomini delle SA in varie pose intenti a incollare manifesti (cod. LAH-133), una linea di cartelloni dove le camicie brune hanno appena attaccato i loro poster (cod. LAH-134), un ufficiale che osserva soddisfatto il lavoro dei suoi uomini (cod. LAH-135) e un portastendardo con svastica (cod. LAH-136).
Seguono ancora tre SA piuttosto alticce mentre ingurgitano boccali di birra (cod. LAH-137), uno dei leader più vicini a Hitler, Sepp Dietrich, in marcia con l'alta uniforme delle SS (cod. LAH-138), un altro espositore per manifesti questa volta rotondo (cod. LAH-147) e un trombettiere delle SA mentre da fiato al suo strumento (cod. LAH-148).

A conclusione della lista di novità postnatalizie troviamo una bella serie di realizzazioni relative alla forza aerea tedesca nel 1945 tra le quali spicca un apparecchio davvero fuori dal comune. Si tratta del primo aereo a reazione ad entrare in servizio operativo nel corso della seconda guerra mondiale messo a punto dalle officine Messerschmitt, il bimotore Me262.
Questo avveniristico, per allora, velivolo a getto avrebbe potuto cambiare il corso della storia ma venne progettato ed impiegato troppo tardi dai nazisti e nonostante l'indiscutibile superiorità rispetto agli aerei alleati le sorti del conflitto erano ormai segnate.
Pensato inizialmente come puro aereo da caccia operò in seguito anche come cacciabombardiere, ne furono costruiti circa trecento esemplari e nelle ultime fasi della guerra riuscì ad abbattere un centinaio di aerei nemici.
L'aeroplano proposto da K&C è quello pilotato dall'asso della Luftwaffe Adolph Galland (cod. LW-036) che è riprodotto nella cabina di pilotaggio. Seguono un team di 3 meccanici ed assistenti al volo in varie pose molto interessanti (cod. LW-037), il maggiore Rudolf Rudi Sinner (cod. LW-038), due altri ufficiali piloti in pausa caffè (cod. LW-039) e il pilota Anton Toni Hackl seduto su una sdraio mentre parla con un telefono da campo (cod. LW-040).
Con il codice LW-041A ecco il maggiore Walter 'Nowi' Novotny mentre mostra una azione del suo Me262 contro un bombardiere nemico e il maggiore Heinz Bar con il codice LW-041B. Chiude la rassegna il capo meccanico del team di Galland impegnato in piedi su un'ala del Me262 a parlare con il suo comandante (cod. LW-042).
Tutti i figurini sopra descritti hanno delle pose molto convincenti e possono formare insieme un ottimo spunto per un diorama niente male.





 
Torna ai contenuti | Torna al menu