GENNAIO 2013 - www.charlesgarage.com

Vai ai contenuti

Menu principale:

GENNAIO 2013

NOVITA' > SOLDATINI > 2013



JOHN JENKINS DESIGNS
1/30 - 60mm

Ad inizio d'anno ecco arrivare puntuale la serie dei figurini che Jenkins dedica ai membri del suo Club e a se stesso visto che tutti i personaggi sinora realizzati portano il suo cognome.
Tre sono i set per il 2013 e tra questi diamo la precedenza al soldato semplice Jenkins del 35° Reggimento di fanteria alla battaglia delle pianure di Abraham (Quebec) nel 1759.
Con questa uscita (cod. JJCLUB2013-A) l'autore dà inizio ad un nuovo contingente inglese delle guerre franco-indiane, il 35° reggimento appunto, che sappiamo partecipò a quasi tutti gli avvenimenti di quel conflitto eccetto la battaglia di Monongahela. Tra gli altri eventi ricordiamo l'assedio e la resa di Fort William Henry nell'agosto del 1757.
Per secondo abbiamo il capitano John Jenkins dei 'Rifle Brigade'
, reggimento di fucilieri formato nel 1800 con compiti di schermagliatori e scout che divenne in seguito il 95° reggimento di fanteria.
La brigata si distingueva per la sua uniforme verde anziché il classico rosso delle truppe britanniche.
Il capitano Jenkins si distinse alla battaglia di Vittoria, durante l'invasione napoleonica della penisola iberica, e purtroppo in quella azione rimase mortalmente ferito (cod. JJCLUB2013-B).
Per ultimo troviamo il capitano William Stanley Jenkins, aviatore canadese della prima guerra mondiale, che ebbe al suo attivo dodici vittorie sul nemico (cod. JJCLUB2013-C).

Restiamo nella collezione aeronautica per presentare un nuovo stupendo velivolo della Grande Guerra che andrà ad aggiungersi alla flotta aerea di JJD che sta riscuotendo molto successo tra gli appassionati.
Questa volta si tratta di un azzurro Albatros DIII pilotato dall'asso tedesco Hermann Frommherz nella primavera del 1917 (cod. ACE-17).
Appartenente alla Jasta-2, il 'Blue Mouse'
, come veniva soprannominato l'aereo di Frommherz, venne abbattuto nel maggio di quell'anno e il pilota, dopo una convalescenza di un anno, tornò a volare con successo con un triplano Fokker DR-1.
Sopravvissuto ai due conflitti mondiali l'asso tedesco morì nella sua città natale Baden nel dicembre del 1964. Il figurino di Frommherz sarà disponibile come al solito a parte contemporaneamente all'uscita dell'aereo (cod. ACE-17P).
Sempre per la collezione 'Knights of the Sky'
sarà anche in vendita la coppia già annunciata composta dal pilota Ernst Udet con la fidanzata Lola (cod. ACE-15P).

Molto curioso il prossimo set relativo alla 'Peninsular War'
che vede una coppia di frati 'guerrieri' facenti parte della guerriglia spagnola contro l'esercito napoleonico invasore (cod. PSG-05).
Sembra infatti che, come avviene spesso nelle guerre di liberazione, molti preti e monaci fossero dalla parte degli insorti e non solo in veste di cappellani militari ma anche, come in questo caso, come veri e propri combattenti.

È finalmente in arrivo la prima sezione del muro di cinta della chiesa di Leuthen che fu teatro dello scontro tra Granatieri Prussiani ed esercito austriaco nell'inverno del 1757 (cod. LEUT-10).
Questo elemento iniziale è la porta centrale del recinto dietro cui si erano trincerati i soldati del principe di Lorena, prossimamente vedremo le altre due parti costituite da un muro dritto e un bastione circolare.

Un altro gradito ritorno riguarda la Brigata Navale inglese alla guerra del Sudan (1884-1885).
Molto riuscite erano state le precedenti realizzazioni che raffiguravano alcuni marinai britannici in combattimento, tre mentre azionavano una mitragliatrice Gatling ed altri che difendevano il pezzo durante gli scontri di Tamai ed Abu Klea contro le truppe guidate dal Mahdi.
In gennaio sono previste altre due figure, un marinaio che aiuta un commilitone ferito (cod. SRN-07) e la replica della formidabile mitragliatrice Gardner adottata dalla marina inglese dopo la decisione di ritirare dal servizio il precedente modello Gatling (cod. SRNGUN-02).
Altri due sono i ritorni graditi in questo dispaccio di inizio anno e riguardano le battaglie di Monogahela (1755) e quella di Chippewa (1814).
Per la prima troviamo due nuovi cavalli da soma con rispettivi bagagli intercambiabili tra loro (codici BAL-08A e BAL-08B).
Molto utili queste novità per chi come noi sta ancora costruendo il proprio diorama sulle guerre franco-indiane e richiede figure ed accessori da collocare nelle ambientazioni di forti ed avamposti franco-britannici che sembrano non bastare mai.
Così come utile sarà il conduttore del traino di artiglieria inglese che verrà sicuramente ben accolto dai collezionisti che hanno già acquistato il tiro a cavalli presentato alcuni mesi fa (cod. BCHLIMB-05).

Chiudiamo la pagina con una, anzi due, novità assolute che non sappiamo ancora se saranno seguite da altre realizzazioni ovvero se resteranno limitate alle suddette uscite.
Si tratta di due set di Marines degli Stati Uniti al tempo della Guerra Civile Americana (1861-1865).
È questo un tema mai affrontato prima da Jenkins e al momento possiamo affermare di non essere a conoscenza di una eventuale prosecuzione.
Già i collezionisti di tale tematica gongolano al pensiero di altri set sull'argomento ma come abbiamo detto è prematura qualsiasi illazione.
Per ora vediamo, e anche questa è una sorpresa, che uno dei due set è composto da ben 4 soldatini sull'attenti ed il loro prezzo unitario in dollari è di gran lunga inferiore a quello degli altri figurini qui presentati.
Le confezioni hanno il codice ACWM-01 per il set formato da due Marines degli Stati Uniti e il codice ACWM-01N per quello composto da quattro Marines (due coppie uguali) dell'Unione come riferito da Jenkins.
Ci pare di non vedere differenze di uniforme tra un set e l'altro comunque verificheremo in seguito quando saranno disponibili.
Concludiamo dicendo che potrebbe essere questa una operazione da ripetere con altre serie tornando a scatole da quattro miniature, in pose semplici ma utilizzabili in numero maggiore, e possibilmente ad un prezzo più accessibile.



GENNAIO 2013
LE NOVITA'




KING & COUNTRY
1/30 - 60mm


Ci avventuriamo subito nella lista delle novità di gennaio andando ad ammirare un gruppo di set davvero fantastici che vede il ritorno della collezione relativa alla guerra di Crimea (1854) ripresa da King&Country dopo la forte richiesta degli appassionati.

Dobbiamo dire che i figurini di questa serie sono tra i più pregevoli per fattura e pittura tra quelli prodotti dal fabbricante di HK. Basta guardare le pose della cavalleria leggera britannica alla carica per rendersene conto.
Si pensava in un primo tempo che dopo i set realizzati ed ora ritirati la tematica fosse stata abbandonata. La pressante domanda dei collezionisti ha reso possibile un ripensamento da parte di Andy Neilson & Company che, da gennaio 2013, riprendono la produzione di figurini legati a questo conflitto che vide contrapporsi gli eserciti di Gran Bretagna, Francia, Turchia ed Italia alla nascente potenza russa.

Nove per ora le novità in programma, tutte appartenenti alla fanteria inglese.
Per primi abbiamo due soldati intenti a fare fuoco, uno in ginocchio e l'altro in piedi (codici CR-03 e CR-04), seguono un sottufficiale che grida ordini ai suoi uomini (cod. CR-05), un giovane tamburino (cod. CR-06), un fante che ricarica (cod. CR-07), due che avanzano (codici CR-08 e 09), un terzo in attacco con baionetta innestata (cod. CR-10) e per ultimo un soldato in marcia (cod. CR-11).
Ufficiali, portastendardo e feriti saranno oggetto di prossime uscite nel secondo trimestre del 2013.

Altro gruppetto che certamente sarà bene accolto dai tanti interessati al tema delle Crociate è quello composto da sei guerrieri Saraceni.
In testa troviamo un barbuto ufficiale armato di ascia che avverte i suoi di avanzare con cautela (cod. MK-097), segue un arciere anche lui intento a fare cenni con il braccio ai compagni alle sue spalle (cod. MK-098), un altro con ascia e lancia (cod. MK-099), due ancora armati di lancia uno in avanzamento e il secondo in ginocchio (codici MK-100 e 101) ed infine un ufficiale a cavallo pronto a sguainare la spada (cod. MK-102).

Lasciamo il Medioevo ma rimaniamo nel deserto qualche secolo più tardi.
Qui troviamo l'8° Armata britannica di Montgomery pronta a respingere l'avanzata delle truppe dell'Asse con due veicoli e sei Tommies
(fanti inglesi).
Il primo dei carri è uno tra i più famosi prodotti e utilizzati dall'esercito di Sua Maestà, il Valentine MKIII. Fu costruito in oltre ottomila esemplari e undici versioni. Usati prevalentemente da inglesi e canadesi molti di questi mezzi furono inviati in Russia tra gli aiuti promessi dagli alleati a Stalin.
La versione in arrivo è una delle tre programmate da K&C per il nuovo anno, un Valentine con la classica mimetizzazione a tre colori della prima brigata meccanizzata di stazione in Libia, a Tobruk, nel 1942 (cod. EA-078).

Il secondo mezzo è un più modesto Dingo appartenente ai famosi 'Topi del deserto' della 7° Divisione meccanizzata (cod. EA-066). Anche questo veicolo fu uno tra i più diffusi in dotazione all'esercito britannico su tutti i fronti del secondo conflitto mondiale.
Seguono i fanti alla cui testa troviamo un ufficiale molto determinato lanciato all'attacco con pistola alla mano (cod. EA-079), dietro di lui un sergente armato di mitra (cod. EA-080), due soldati stesi a terra uno con mitragliatrice Bren e l'altro con fucile (codici EA-081 e 082), un altro ancora in una bella posa di attacco con fucile e baionetta (cod. EA-083) e per ultimo un Tommy
intento in piedi a sparare con il suo Enfield (cod. EA-084).

Per finire passiamo in rassegna un terzetto di musicanti delle SA germaniche in marcia nella Berlino del 1938 con in testa un tamburo maggiore urlante e spavaldo.
I suddetti suonatori hanno il codice LAH-166 il tamburo maggiore, LAH-167 la tromba e LAH-168 il tamburino.



BLACK HAWK
1/30 - 60mm

La tematica western sta tornando di moda tra gli appassionati e i fabbricanti di soldatini, sia in metallo che in plastica, cercano di assecondare i desideri dei collezionisti sfornando nuove serie di indubbio interesse.
Tra queste c'è la prolifica Black Hawk
che dopo la bella diligenza a sei cavalli, la serie sulla battaglia di Little Bighorn e quella sugli indiani d'America ha lanciato per la fine del 2012 una miniserie dedicata alla famosa 'sfida all'OK Corral', un classico dell'epopea western che ha fatto da trama a molti film più o meno conosciuti.
La collezione per ora si compone di otto figurini, quattro sono i 'buoni' (si fa per dire) e quattro i fuorilegge.
La storia è nota, il 26 ottobre del 1881, in una piccola città dell'Arizona chiamata Tombstone, si scontrarono i tre fratelli Earp (Wyatt, Virgil and Morgan codici FW-301, 305 e 306) e il loro amico Doc Holliday (cod. FW-303) contro Billy e Ike Clanton (codici FW-307 e 308) e Frank e Tom Mc Laury (codici FW-302 e 304) che come si sa ebbero la peggio. E pensare che lo scambio di colpi tra le due fazioni sembra durò meno di un minuto.
Molto dinamiche come sempre le figure di Black Hawk
che rappresentano perfettamente il dramma del duello, una mini raccolta che può da sola meritare un posto in primo piano nella nostra vetrina.





 
Torna ai contenuti | Torna al menu