IL FURGONE CITROEN H - www.charlesgarage.com

Vai ai contenuti

Menu principale:

IL FURGONE CITROEN H

TEMATICHE > AUTOMODELLI



il furgone
CITROEN H
un record del dopoguerra


In casa Citroen all'inizio degli anni quaranta già si parlava di un veicolo militare e commerciale che sostituisse il suo predecessore, il Citroen TUB (Traction Utilitaire Basse o serie B) nato nel 1939 ma divenuto già obsoleto. Quello che maggiormente si richiedeva dal nuovo furgone era guadagnare spazio e ridurre peso. Il TUB aveva inoltre il difetto di non poter essere caricato da dietro e questa necessità veniva sentita più che altro da commercianti e piccoli artigiani. Piuttosto che modificare il vecchio mezzo sembrò più naturale rimpiazzarlo con uno del tutto nuovo.
Fu così che la casa automobilistica francese diede incarico all'ingegnere Pierre Franchiset di lavorare alla messa a punto di un furgone di nuova concezione sia nel motore che nella carrozzeria, battezzato poi modello H solo per il fatto che era l'ottavo (huitième in francese) studio sul progetto.
Durante la seconda guerra mondiale le applicazioni sul tipo H furono portate avanti segretamente all'insaputa dell'occupante tedesco che aveva proibito qualsiasi studio di nuovi modelli e alla fine del conflitto, tornate le condizioni migliori per lavorare al prototipo, fu possibile portare a termine in breve tempo il nuovo veicolo.
Franchiset aveva realizzato una carrozzeria monoscocca interamente in lamiera ondulata che doveva essere incernierata e imbullonata per essere resa rigida, un principio simile utilizzato per le carlinghe di alcuni aerei, tra gli altri il famoso Junkers JU-52 tedesco. Per quanto riguarda la meccanica il furgone aveva trazione anteriore poichè l'ingegnere recuperò, per ragioni di costi e di standardizzazione, quella della mitica Traction Avant 11 Cavalli che permetteva di utilizzare una parte di pezzi già esistenti.


Per il salone dell'automobile di Parigi del 1946 il prototipo era ormai pronto ma, poiché aveva ancora dei difetti da correggere, il management della Citroen decise di non presentarlo al pubblico e come veicolo commerciale propose il modello TUC, una versione rinnovata del TUB.
Bisognerà attendere il 1947 affinché il Citroen H, 11 cavalli, 1200kg di carico utile, venga finalmente presentato al Salone di Parigi in tutta la sua rivoluzionaria combinazione di ingegnosità, minimalismo e funzionalità e ottenga subito un largo favore di pubblico.
La commercializzazione iniziò il 1° giugno del 1948 e la casa automobilistica ebbe qualche difficoltà iniziale a soddisfare la moltitudine di richieste dei suoi clienti. Tra questi vi erano anche le amministrazioni pubbliche come la gendarmeria, le poste, i pompieri e gli ospedali che furono ben felici di adottare questo versatile mezzo per i servizi alla collettività. Il suo successo fu talmente grande che venne soprannominato la 'bomba H'.

Tanto per iniziare vennero fornite cinque motorizzazioni, due a benzina (1600cm3 9CV e 1900cm3 11CV) e tre a gasolio(Perkins 1621cm3 7CV, Indenor 1816cm3 7CV e Indenor 1946cm3 8CV). La carrozzeria in un primo momento restò simile in tutte le versioni ma man mano che la richiesta del mercato si fece più selezionata cominciarono a nascere allestimenti adatti alle diverse esigenze di utilizzo e veicoli con le sole cabine ed assali furono messi a disposizione della fantasia dei carrozzieri per tutti gli usi immaginabili.

Alla Citroen la parola d'ordine è 'a ciascuno il suo H'. In funzione della portata e della carrozzeria la sigla di commercializzazione viene codificata, H, HY, HZ, HX e così via. Per i veicoli adibiti ad ambulanza è prevista una variante con sospensioni idropneumatiche. Quattordici sono le colorazioni fornite dalla casa e una parte è riservata alle amministrazioni: il grigio resta il colore più richiesto, ma sono disponibili anche il blu, il rosso ed il bianco.
Al Tour de France o per le strade francesi per anni il Citroen H ha viaggiato in lungo e in largo come pubblicità ambulante sempre presente in ogni occasione fedele alla sua aspirazione di 'grande lavoratore'. Non si può dire ci sia stato in Francia un settore, pubblico o privato, che non abbia avuto tra i suoi mezzi di trasporto il mitico H e si può senz'altro affermare come questo furgone abbia rappresentato e rappresenti tuttora un simbolo distintivo della storia francese come la Tour Eiffel, Monmartre o Napoleone. Ancora oggi è nella memoria collettiva del popolo d'oltralpe e nel cuore di chi lo ha posseduto e guidato, mentre per altri è un prezioso oggetto da collezione.
La storia del Citroen H termina il 14 dicembre del 1981, a Aulanay. L'ultimo veicolo esce dalla fabbrica con il numero di serie 473.289, quasi mezzo milione di esemplari e trentaquattro anni dividono l'ultima unità prodotta dal suo fortunato antenato partorito dall'intuizione e dall'ingegno di Monsieur Pierre Franchiset.




I MODELLI

 
 
Torna ai contenuti | Torna al menu