NOVEMBRE 2013 - www.charlesgarage.com

Vai ai contenuti

Menu principale:

NOVEMBRE 2013

NOVITA' > SOLDATINI > 2013


KING & COUNTRY
1/30 - 60mm

Iniziamo subito con una magnifica novità già intravista il mese scorso nella foto di presentazione dei nuovi fanti tedeschi.
Si tratta di una bella riproduzione dell’auto militare Sd.Kfz.2 derivazione della più famosa Mercedes Benz 170 progettata nei primi anni trenta quale versione economica nella gamma di veicoli prodotti dalla nota casa tedesca (cod. WS-248).
Costruita in centinaia di esemplari tra il 1938 e il 1942, la Sd.Kfz.2 fu utilizzata su tutti i fronti dall’esercito tedesco e certamente vedremo in futuro molte altre versioni realizzate da King&Country.

Una serie a cui il produttore dà sempre molta importanza è la collezione dedicata alle truppe australiane durante la prima guerra mondiale. Si sa che i collezionisti di quelle parti sono particolarmente numerosi e disposti a spendere per i figurini che riguardano la loro storia recente e K&C non delude mai le loro aspettative.
Avevamo già avuto modo di commentare positivamente le uscite della serie e anche questa volta ci sembra che le novità di novembre siano azzeccate e molto suggestive.
Stiamo parlando di cinque set quattro dei quali riguardanti la sanità militare sul fronte mediorientale.
Molto affascinanti una ‘ambulanza’ a quattro zampe rappresentata da un cammello con due barelle a bordo (cod. AL-058) e un medico che sopraggiunge al galoppo trasportando una barella pronta ad accogliere un soldato ferito (cod. AL-057).
Altri due medici con fascia bianca al braccio, uno in ginocchio e l’altro in piedi (codici AL-061 e 059), completano l’insieme dal tema sanitario.
A parte viene ad aggiungersi un sergente a cavallo pronto a far fuoco con il suo revolver (cod. AL-060).

Lasciamo il torrido fronte africano del 1917 e spostiamoci nel gelido inverno tra la fine del 1944 e l’inizio del 1945.
Per la collezione relativa alla battaglia della Bulge K&C ci presenta una nuova versione del noto autoblindo americano M20 in mimetica invernale e catene da neve alle ruote (cod. BBA-066). Un membro dell’equipaggio a mezzo busto è compreso nel set mentre il comandante con binocolo tra le mani può essere acquistato a parte (cod. BBA-067).
Un generale statunitense chiamato solo ‘The General’ con elmetto, giubbetto di pelle e frustino in mano (che a noi, e non solo a noi, ricorda tanto il generale Patton!) è tra le novità previste per novembre (cod. BBA-065).
Sembra infatti che riprodurre il famoso generale americano obblighi i produttori a pagare dei diritti alla famiglia Patton, e allora le ditte di miniature, come in questo caso, si guardano bene dal nominare il nome dell’ufficiale che guidò la Terza Armata alla conquista della Germania nazista.

Ancora al secondo conflitto mondiale appartengono altri sei set che riguardano un avvenimento che accadde solo pochi mesi prima della battaglia delle Ardenne di cui parlavamo precedentemente.
Ci riferiamo alla sfortunata impresa di Arnhem che si concluse con la sconfitta e la resa delle truppe aviotrasportate britanniche che nel settembre del ’44 tentarono di aggirare la Linea Sigfrido per lanciarsi alla conquista della Ruhr, storica regione industriale della Germania.
Ricordiamo che i figurini di questa serie fanno parte della produzione contrassegnata dalla lettera ‘P’ che significa un elevato dettaglio di scultura e un’accresciuta cura nella pittura.
Per primo abbiamo un nuovo Bren Gun Carrier con due uomini a bordo (cod. MG-046). Sedici di questi veicoli appartenenti ai Royal Army Service Corps vennero paracadutati in Olanda per il trasporto dei cannoni e delle munizioni utili alla riuscita dell’impresa.  
K&C ci presenta inoltre uno dei cannoni che vennero utilizzati in quel frangente e che può essere trainato dal piccolo cingolato inglese. Si tratta del 75mm americano M1A1 (cod. MG-047) per il quale il produttore ha pronto anche un bel set composto da due cannonieri della Royal Artillery, uno con elmetto e il compagno con il classico basco rosso (cod. MG-048P).
A chiudere questo gruppetto troviamo un sergente paracadutista inginocchiato con carabina (cod. MG-049P), un altro sergente in piedi con baionetta innestata sul suo Sten (cod. MG-051P) e per ultimo una stupenda miniatura che a noi ha intrigato moltissimo raffigurante un medico con basco rosso impegnato a portare tra le braccia un soldato ferito (cod. MG-050P). Davvero ben scolpita questa situazione che mostra in pieno la drammaticità del momento.

Per ricordare l’anniversario della battaglia di Gettysburg come altri produttori anche King&Country propone una decina di set relativi alle forze nordiste e sudiste che parteciparono a quel sanguinoso evento della Guerra Civile Americana.
Per il Nord avremo perciò il colonnello Chamberlain del 20° Volontari del Maine (cod. CW-092), un sergente portabandiera (cod. CW-093) e tre soldati in diverse posizioni di combattimento (codici CW-094, 095 e 096).
Per il fronte opposto ancora un ufficiale, il colonnello William Oates del 15° Alabama (cod. CW-099) e il suo portabandiera (cod. CW-100) più tre fanti anche qui in diverse pose di battaglia (codici CW-097, 098 e 103).

Infine per la collezione ‘Heroes of China’, una nuova raccolta che ovviamente strizza l’occhio al mercato interno, il personaggio presentato per inaugurare la serie è il primo presidente e fondatore della Repubblica Cinese Dr. Sun Yat Sen in una sgargiante uniforme blu e pennacchio bianco sul capo (cod. HoC-001).
Al termine di questa guida alle novità di Novembre vogliamo mostrarvi uno splendido aereo Ju52 in versione deserto prodotto su ordinazione per un esigente collezionista dell’Afrika Korps.
Oltre il denaro bisogna anche avere il posto adatto per esporre un ‘bestione’ di tale fatta …ma noi non siamo affatto invidiosi!



NOVEMBRE 2013
LE NOVITA'



JOHN JENKINS DESIGNS
1/30 - 60mm


È in dirittura di arrivo l’enorme carro di artiglieria della Prima Guerra Mondiale di cui avevamo parlato in un nostro precedente appuntamento.
Il veicolo venne progettato dall’esercito britannico per consentire un supporto rapido ed efficiente alle proprie truppe in caso di cedimento del fronte tedesco e del conseguente avanzamento della fanteria in territorio nemico. Gli ingegneri concepirono questo primo tentativo di artiglieria meccanizzata partendo dal carro Mark I già in produzione.
Un cannone da 6 libbre era posizionato sulla parte anteriore del mezzo e durante il trasferimento le due ruote venivano fissate ai lati del veicolo. L’equipaggio poteva sparare sia dal carro che da terra dopo che le ruote erano state di nuovo montate sul cannone.
Oltre alla artiglieria semovente era stata programmata anche una versione trasporto che poteva portare una quantità ingente di munizionamento che altrimenti avrebbe richiesto l’impiego di decine di uomini.
Jenkins per ora ci presenta il Supply Tank con a bordo un carico di casse dalle forme più svariate mentre un set extra di munizioni e prossimamente un certo numero di miniature saranno disponibili a parte per chi vuole ricreare una scena di deposito nelle retrovie (codici GWB-08 e GWB-09).
Al periodo della Grande Guerra appartengono anche il pilota dello Spad XIII presentato lo scorso maggio e il comandante di equipaggio dell’autoblindo inglese RNAS Rolls Royce uscita invece in febbraio.
Si tratta del capitano americano Eddie Rickenbacker che risultò vittorioso in ben ventisei duelli aerei (cod. ACE-16P) e di un ufficiale della marina in uniforme blu in piedi con carte alla mano (cod. BGC-03B).

Alla Guerra dei Sette Anni nei suoi vari fronti di guerra sono dedicati un gruppetto di set di certo molto attesi dagli appassionati.
Per prima troviamo una nuova coppia di soldati austriaci del reggimento Roth Wuerzburg alla battaglia di Leuthen, uno in pronto e uno impegnato a ricaricare il moschetto, che saranno disponibili anche in confezione da quattro (codici ROT-03 e ROT-03N).
Prosegue anche l’uscita dei granatieri inglesi marcianti appartenenti al 35° Reggimento di fanteria alla battaglia di Quebec (codici QB-040 e 040N). Siamo alla terza posizione di marcia e siamo molto grati all’autore di aver voluto accontentare i collezionisti fornendo delle posture diverse e  permettendo così di creare una sfilata di soldati varia, numerosa e al tempo stesso uniforme.
Anche delle confezioni da quattro figurini gli appassionati ringraziano John Jenkins e ciò sembra dimostrato dal buon andamento di vendita di questi multi-set. Speriamo che altri produttori seguano il suo esempio.
Per ultimo abbiamo un indiano delle foreste intento a sparare in corsa con il suo moschetto (cod. RSF-015). La posa non sembra all’altezza delle ultime realizzazioni, il pellerossa ci sembra un po’ troppo esile e di non facile collocamento in un eventuale diorama di combattimento con le truppe di Sua Maestà.
Vediamo meglio questo figurino e l’altro precedente in una caccia al cervo nella foresta ma non è questo il contesto che ci interessa. Senza dubbio preferiamo ancora i primi indimenticabili set di indiani marcati John Jenkins che ancora rimangono a nostro avviso i migliori mai prodotti nella storia recente del soldatino.

Con un doppio salto mortale rientriamo in Europa al tempo del Bonaparte per ammirare un ufficiale e un tamburino del 21° Reggimento di fanteria di linea portoghese, un contingente che partecipò ai maggiori eventi della campagna di invasione francese che vide l’esercito anglo-portoghese di Wellington contrapporsi a quello di Napoleone.
I figurini saranno disponibili in doppia versione, una con i pantaloni bianchi (cod. PORT-01W) e l’altra con i pantaloni blu (cod. PORT-01B).

Infine ci occupiamo del secondo nucleo della collezione dedicata alle cadette in marcia della Repubblica Popolare Cinese durante il 60° anniversario della fondazione della repubblica (ottobre 2009) e che come avevamo ipotizzato il mese scorso prende in esame le varie armi di quello sterminato esercito.
Questa volta le graziose cinesine appartengono all’arma aerea e indossano la divisa azzurra. Vi sarà un ufficiale con mano al berretto nell’atto di salutare (cod. PLA-05), un cadetto singolo e una confezione di quattro soldatesse dagli occhi a mandorla (codici PLA-03 e PLA-03N).


 
Torna ai contenuti | Torna al menu