NOVEMBRE 2014 - www.charlesgarage.com

Vai ai contenuti

Menu principale:

NOVEMBRE 2014

NOVITA' > SOLDATINI > 2014


NOVEMBRE 2014
LE NOVITA'



JOHN JENKINS DESIGNS
1/30 - 60mm

Come pezzo forte del mese tra le novità di novembre della John Jenkins Designs troviamo una inusuale e interessante stazione comunicazioni tramite piccioni della prima guerra mondiale.

Questo veicolo sembra un vecchio autobus a cavalli inglese e, particolare simpatico, sopra le gabbie laterali si vedono alcuni volatili in attesa di essere impiegati come ‘fattorini’ (cod. GWB-015).
Durante quel conflitto furono utilizzati oltre ventiduemila piccioni viaggiatori che in molti casi furono determinanti nel cambiamento di strategia militare sul terreno e in diverse occasioni per la salvezza di vite umane. Sembra che alcuni di essi furono decorati per il ‘coraggio’ dimostrato in battaglia. Come sempre è in programma anche un figurino del soldato a cui è affidata la gestione degli uccelli.
Ancora per la Grande Guerra sono in arrivo i primi due artiglieri del cannone inglese uscito in settembre e per il quale sono previsti una decina di componenti di equipaggio; i due militari, forse un po’ troppo muscolosi a nostro avviso, sono uno in piedi e l’altro in ginocchio (cod. GWB-031).
Molto malandati ma molto attraenti sono in arrivo anche un paio di fantaccini francesi feriti in cammino con il lungo cappotto liso e le bende che avvolgono la testa e le braccia (cod. GWF-025).
Segue il pilota tedesco Werner Steinhauser che volò e morì con il suo Fokker DR.I il 26 giugno del 1918, l’aereo fu realizzato da Jenkins alla fine del 2013 (cod. ACE-21P).

Per le collezioni del XVIII° secolo la JJD presenta due nuovi indiani delle foreste della tribù Stockbridge uno in ginocchio intento a fare fuoco e il compagno a ricaricare il moschetto, i guerrieri saranno disponibili come sempre in doppia confezione in due colorazioni differenti (codici RR-034A e RR-034B).
Un altro indiano è invece in arrivo per la serie codificata QB, ciò potrebbe voler dire che il figurino è destinato a fare parte di una scena più grande unitamente ai recenti set composti da un soldato inglese aggredito alle spalle da un selvaggio. Il guerriero è infatti scolpito con le braccia in alto mentre tiene in una mano il coltello e nell’altra lo scalpo di un nemico (cod. QB-046).
Siamo sempre più convinti che Jenkins si stia divertendo a raccontare, storia nella storia, i famosi avvenimenti seguiti alla resa di Fort William Henry da parte della guarnigione britannica.

Ancora alle guerre franco indiane, per gli eserciti regolari di Francia e Gran Bretagna, per il reggimento Bearn al comando del Marchese de Montcalm saranno presto disponibili un ufficiale e un tamburino (codici QF-031 e QF-032 singolarmente e insieme QF-030) davvero ben scolpiti mentre per i Granatieri di Louisbourg al comando del generale Wolfe avremo due soldati del 22° reggimento in coppia o in confezione da quattro in posizione di sparo (codici QBLG-05 e 05N).
Per il reggimento francese è previsto un magnifico portabandiera per il prossimo dicembre.


KING & COUNTRY
1/30 - 60mm

Numerose le novità di King&Country per il mese di novembre, la maggior parte facenti parte delle collezioni relative alla prima e alla seconda guerra mondiale.
Una di queste ultime, che sta riscuotendo un notevole successo, è quella dedicata alla sanità tedesca che per questo mese presenta agli appassionati quattro set uno più grazioso dell’altro.
Iniziamo da una giovane infermiera che porge una bacinella al chirurgo per fargli disinfettare le mani (cod. WH-006), segue il chirurgo stesso che come si può notare ha appena terminato di operare uno dei suoi pazienti (cod. WH-007), una deliziosa sedia a rotelle vuota da collocare nel nostro diorama di ospedale (cod. WH-008) e per ultimi un ufficiale invalido trasportato sulla sua carrozzella da un’altra zelante infermiera (cod. WH-009).
Non nascondiamo che anche noi abbiamo una vera attrazione per questa magnifica serie.

Rimaniamo in Germania e passiamo in rassegna un gruppo di set destinati alla battaglia della Bulge del dicembre 1944 e più precisamente alla grande offensiva tedesca lanciata dalla Wehrmacht nelle Ardenne per ricacciare indietro le truppe alleate.
Per primo ritorna un carro molto amato dai collezionisti ormai esaurito nella sua prima versione, si tratta del temibile Tiger I in mimetica invernale con relativo comandante a bordo (cod. WS-309) ed è accompagnato da un altro mitico carro armato tedesco, il Panther G, anch’esso in tenuta invernale e con carrista in torretta (cod. BBG-084). Due splendidi esemplari che gli amanti di quell’evento bellico non possono lasciarsi sfuggire.
Come sempre K&C abbina un gruppo di fanteria ai veicoli presentati. Sono infatti in pre-ordine sei Panzer Grenadier in azione (codici da BBG-089 a BBG-094), un set composto da due tedeschi morti (cod. BBG-087) e con la benda sull’occhio e mappa alla mano l’SS Obergruppenfuhrer Paul “Papa” Hausser (cod. BBG-088).
Insieme a questi arrivano anche il nuovo cannone Flak38 con relativo cannoniere in mimetica bianca e due ulteriori artiglieri infagottati per il freddo di cui uno con binocolo (codici BBG-066 e 067).

Ci trasferiamo in Gran Bretagna e più esattamente in un aeroporto militare della RAF nel 1940 dove un camion Bedford con il proprio equipaggio è pronto intervenire in caso di incidente aereo o di bombardamento dell’aviazione nemica.
L’autocarro rosso dei pompieri londinesi si è colorato del blu della Royal Air Force (cod. RAF-054) e i quattro avieri vigili hanno l’elmetto rosso sulla testa, il caposquadra urla nel megafono ordini ai suoi uomini (cod. RAF-068) due dei quali stanno manovrando un idrante per l’acqua (cod. RAF-069) mentre il terzo entra in azione impugnando la sua ascia (cod. RAF-070).

A chiusura delle novità dedicate alla seconda guerra mondiale arrivano due riedizioni di paracadutisti alleati con i loro paracadute aperti, anche questi set sono stati insistentemente richiesti dai collezionisti dopo che le prime versioni sono andate fuori catalogo oramai da lungo tempo.
Si tratta di una coppia di soldati americani (cod. DD-253) e di una di Commandos inglesi (cod. MG-058).

Facciamo un lungo passo indietro dalla seconda alla prima guerra mondiale.
Anche qui K&C cerca di risparmiare sulla scultura delle pose e si affida alla riedizione di un gruppo di soldati inglesi già realizzati nel 2013 riconvertendo i figurini in fanti appartenenti a tre battaglioni differenti del contingente australiano in Europa.
Ciò significa che, come ha già fatto John Jenkins, tutte e dodici le miniature (dieci singole e due in coppia) saranno replicate tre volte ognuna con un distintivo differente sul braccio a seconda dell’unità di appartenenza: il 1° battaglione porta i colori nero e verde, l’8° battaglione il rosso e il bianco mentre il 9° battaglione indossa i colori nero e celeste (codici da FW-189 a FW-197 ognuno con le lettere A, B e C).  
Un gruppo invece inedito ma già visto in anteprima un paio di mesi fa è rappresentato da alcuni infermieri inglesi e alcuni feriti sia inglesi che tedeschi molto ben scolpiti e in atteggiamenti davvero attraenti che sono un buon inizio per ricreare in futuro un eccellente ospedale da campo britannico nelle retrovie.
Troviamo per primo un barelliere in piedi appoggiato alla sua barella (cod. FW-161), seguono un soldato con sguardo attonito forse per i sanguinosi eventi cui assiste ogni giorno in trincea (cod. FW-162), una bella scena a tre con un ‘tommy’ che offre da bere a due prigionieri tedeschi (cod. FW-164), un soldato britannico che sorregge un commilitone ferito (cod. FW-165) mentre un altro conduce un ufficiale tedesco prigioniero dietro le linee (cod. FW-168).
Chiudono la serie un caporale inglese ferito che si gode un attimo di tregua seduto sorseggiando una tazza di the (cod. FW-169) e un tedesco con la gamba sanguinante che attende di essere trasportato al posto di soccorso più vicino (cod. FW-170).

Ai collezionisti amanti dei soggetti natalizi K&C propone un paio di set appropriati per le festività in arrivo.
Un divertente albero di Natale pieno di addobbi, palline e candele (cod. XM014-03) e un simpatico Babbo Natale seduto accanto al sacco dei doni mentre annota sul libro dei desideri i regali da recapitare ai suoi innumerevoli fan grandi e piccoli (cod. XM014-04).

Mentre scriviamo Andy Neilson ha comunicato in anteprima alcune uscite del prossimo dicembre. Inaspettatamente il grande produttore di HK torna indietro di qualche decennio e ripropone una collezione molto divertente e colorata che fu già un suo cavallo di battaglia, il Mondo di Dickens (the World of Dickens).
Tredici figure e sei accessori interamente rimodellate raccontano la vita nell’Inghilterra dell’800 vista dalla penna del grande romanziere Charles Dickens, autore di capolavori come David Copperfield, Oliver Twist e Il Circolo Pickwick. Non abbiamo dubbi, vista la finezza delle sculture preannunciate, che sarà l’ennesimo grande successo di questo poliedrico e versatile produttore.



THOMAS GUNN
1/30 - 60mm


L’eclettico produttore inglese continua a sfornare set relativi a serie diverse e i collezionisti reagiscono sempre con molto favore perché, come abbiamo avuto modo di dire altre volte, la scelta dei soggetti e specialmente la scultura sono decisamente di pregio.
Se si tiene conto poi che la quantità di ogni set è molto limitata si comprende come i figurini vadano presto esauriti e fuori produzione.
Per novembre ritorna la bella collezione dedicata alle guerre franco-indiane: il 60° reggimento inglese dei Royal American si accresce di due nuovi soggetti, un soldato in piedi che estrae una cartuccia per caricare il moschetto (cod. FIW-05) e un secondo fante in ginocchio impegnato a sparare (cod. FIW-06).
Questa serie non è ancora molto sviluppata ma promette di diventare una delle più apprezzate anche se, a nostro avviso, sarebbe stato meglio realizzare le miniature nella scala 1/30 anziché in scala 1/32. Infatti chi colleziona i figurini della John Jenkins Designs avrebbe avuto piacere di unire le due serie in un’unica raccolta.
Un’altra collezione molto popolare, quella della Legione Straniera francese, vede in pre-ordine due figure, un esploratore in ginocchio intento a scrutare il terreno (cod. FFL-029) mentre un commilitone in piedi controlla che non vi siano nemici nelle vicinanze (cod. FFL-030).
Al momento i legionari realizzati superano di molto gli arabi e qualcuno comincia a chiedere che vi sia almeno una parità di forze tra i due schieramenti, probabilmente i primi si vendono molto meglio dei secondi.

La Grande Guerra non poteva mancare tra le novità novembrine della TG e per il sanguinoso conflitto mondiale avremo cinque ‘tommies’ britannici con lungo cappotto in duplice versione invernale, la prima con neve (A) e la seconda senza (B).
Essi sono due ufficiali uno con pistola e l’altro con fucile (codici GW-033A e B, GW-034A e B) e tre soldati di cui uno in ginocchio pronto a fare fuoco, il secondo riverso all’indietro colpito dal nemico ed il terzo con le braccia alzate in posizione di resa (codici GW-035A e B, GW-036A e B e GW-037A e B).
All’esercito francese invece appartengono due fantaccini in cappotto turchino ambedue con maschera antigas sul volto, il primo scolpito nell’atto di lanciare una granata e il secondo steso a terra impegnato a sparare con il fucile (codici GW-038A e 039A).
Per il fronte opposto sarà presto disponibile una garitta di sentinella tedesca a strisce bianche e nere completa di telefono interno (cod. ACCPACK-005B) che il produttore ha pensato bene di sfruttare anche per la seconda guerra mondiale nei classici colori rosso, bianco e nero (cod. ACCPACK-005A). Una seconda garitta è in programma per il mese di dicembre.

Ancora alla seconda guerra sono dedicati una serie di set dell’esercito russo che il produttore suggerisce di poter utilizzare anche per il periodo relativo alla guerra civile (1918-1920) che venne combattuta in quel paese dopo la rivoluzione bolscevica del 1917 tra le fazioni cosiddette dei rossi e dei bianchi, quest’ultimi appoggiati da una coalizione di paesi stranieri tra cui l’Inghilterra, gli Stati Uniti e la Francia.
A questo semisconosciuto capitolo della storia russa Thomas Gunn ha deciso di dedicare alcuni set, come i soldati inglesi o quelli sovietici di cui abbiamo appena parlato, che possono essere usati sia per un periodo che per l’altro tenuto conto che le loro uniformi non subirono sostanziali modifiche fino a seconda guerra mondiale inoltrata.
I seguenti quattro soldati russi si presentano anche loro nella doppia variante estiva (A) e invernale (B) che si differenziano in verità solo per la presenza della neve sulla base e sul bordo dei cappottoni.
Per primo troviamo un ufficiale con bandiera rossa in una mano e pistola nell’altra (cod. SOV-04A e B), seguono un trombettiere con il cappello a punta chiamato ‘budenovka’ (cod. SOV-05A e B) e due fanti, il primo accucciato mentre guarda all’indietro e il secondo in ginocchio pronto a sparare (codici SOV-006A e B e SOV-007A e B).

Ci spostiamo velocemente sul fronte dell’Estremo Oriente, tema che TG ha iniziato ad affrontare da poco ma che ha già riscosso un discreto apprezzamento tra i collezionisti.
Il successo è dovuto sia all’ottima fattura delle miniature e sia al fatto che parte di queste rappresentano soldati australiani in combattimento nella jungla asiatica e, si sa, il mercato oceanico è oggi uno dei più promettenti, anche in termini economici, nel recepire le repliche in miniatura dei propri soldati che hanno combattuto intorno al globo nei conflitti del ventesimo secolo.
Alla serie appartengono una sentinella giapponese che stringe il fucile con ambo le mani (cod. RS-002), un soldato australiano con lanciafiamme sulle spalle (cod. RS-007) e un commilitone in ginocchio con apparecchio ricetrasmittente e microfono in mano (cod. RS-008).
A dicembre avremo altri due giapponesi con un mortaio mentre a gennaio sarà disponibile una pattuglia alleata con mulo.
Agli iscritti al club è riservata una figura della Legione Straniera in Messico con pantalone bianco già realizzata nella serie normale con i pantaloni rossi (cod. CLUB-015).

 
Torna ai contenuti | Torna al menu