OTTOBRE 2014 - www.charlesgarage.com

Vai ai contenuti

Menu principale:

OTTOBRE 2014

NOVITA' > SOLDATINI > 2014


KING & COUNTRY
1/30 - 60mm


Grande interesse ed entusiasmo ha destato tra i collezionisti il lancio della nuova collezione King&Country dedicata alla guerra civile inglese (1642-1651) tra la corona di Carlo I e le ‘teste rotonde’ del Parlamento guidate da Oliver Cromwell.
Molto attraenti si prevedono i figurini della serie intitolata ‘Pike and Musket’: infatti picchieri, moschettieri e alabardieri saranno i soldati coinvolti in questa nuova avventura di K&C e non pochi sono i set già annunciati per ottobre di cui alcuni in confezione doppia (sembra che la scatola multipose stia prendendo piede!).
Per primi abbiamo un ufficiale del Parlamento con alabarda e pistola (cod. PnM-001) e cinque picchieri in varie pose, da quella di attenti a quella di avanzamento (codici da PnM-002 a PnM-006).
Dopo la figura di Oliver Cromwell in persona (cod. PnM-008) avremo tre moschettieri in posizione diversa, uno che spara, uno che avanza e il terzo che ricarica (codici PnM-009,010 e 011) mentre chiudono il gruppo un portabandiera del reggimento (cod. PnM-012) ed un ufficiale a piedi con spada e pistola (cod. PnM-013). Poiché a quei tempi l’uniformità delle divise non era ancora ben delineata è probabile che in seguito avremo gli stessi figurini dipinti in colori diversi.
Come dicevamo alcune delle suddette miniature saranno disponibili anche in confezione doppia per chi volesse espandere più velocemente la propria raccolta, esse avranno i codici PnM da S01 a S04.

Intanto viene ripresa dopo parecchio tempo la collezione D-Day per la quale Andy Neilson ha pensato di inserire un quartetto di soldati alleati più vicini allo scenario Hollywoodiano che al rigore storico. Si tratta dei quattro personaggi del film ‘I guerrieri’ (Kelly’s heroes) del 1970 due dei quali impersonati da Clint Eastwood e da Telly Savalas (cod. DD-239).
Più consoni alla nostra raccolta ecco un Tommy inglese accolto con entusiasmo da una graziosa ragazza francese dopo la liberazione (cod. DD-175), un soldato americano che aiuta un commilitone ferito a raggiungere l’ospedale (cod. DD-241) mentre un altro se ne sta seduto a medicarsi il ginocchio insanguinato (cod. DD-242).
Un altro GI beve dalla sua piccola borraccia in un momento di relax (cod. DD-243) mentre un compagno cameraman sta filmando il teatro delle operazioni con la sua piccola videocamera (cod. DD-244), un terzo militare camminando indica a qualcuno la direzione da prendere (cod. DD-245) forse a un medico che sta portando delle scatole di razione K al posto di soccorso (cod. DD-246).
Sempre al secondo conflitto appartiene una Jeep, con paracadutista al volante, alla battaglia di Arnhem con la grande stella bianca sul cofano (cod. MG-053).


Per il fronte opposto, visto il successo riscosso, vediamo arrivare un trio di nuovi set relativi alla sanità tedesca ed una versione mimetica della autoblindo Sd.Kfz.222.
Un medico con elmetto bianco trascina via per le ascelle un ferito (cod. WH-002) mentre un altro infermiere con l’aiuto di un soldato trasportano un commilitone fuori dalla linea del fuoco (cod. WH-003). Il terzo set rappresenta una versione aggiornata del camion Opel ambulanza questa volta in colorazione mimetica degli ultimi anni di guerra (cod. WH-004). Attraente il veicolo anche in questa variante ma noi continuiamo a preferire l’autocarro in Field-Grey.
Ancora in mimetica per la Normandia o il fronte orientale l’Sd.Kfz.222 da utilizzare per i diorami ambientati dopo il 1943 (cod. WS-210).

Prosegue l’uscita di soggetti per la battaglia di Little Big Horn con la realizzazione di due eccellenti tende indiane (codici TRW-064 e 083), i classici tepee, e quattro guerrieri di cui due a cavallo.
Uno cheyenne con fucile si guarda intorno per individuare la sua prossima vittima (cod. TRW-068), il capo ‘Coltello Rosso’ a cavallo con largo copricapo di penne (cod. TRW-069), un altro capo indiano ascolta seduto gli echi lontani della battaglia (cod. TRW-070) ed infine un ennesimo capo Sioux, ‘Pioggia sul viso’, esulta al galoppo per la vittoria sui lunghi coltelli alzando il fucile sulla testa (cod. TRW-071).

Anche K&C è solito dedicare un paio di set agli amanti dei soggetti natalizi e per la festa più amata dell’anno presenta un Babbo Natale della Croce Rossa con un sacco pieno di doni per le truppe (cod. XM014-01) e una seconda scenetta di concordia tra un soldato tedesco ed uno inglese durante la prima guerra mondiale in ricordo di un episodio del Natale 1914 quando per poche ore non si sparò più dalle opposte trincee ma ci fu un breve non concordato ‘cessate il fuoco’ bilaterale (cod. XM014-02).


OTTOBRE 2014
LE NOVITA'



JOHN JENKINS DESIGNS
1/30 - 60mm


Per i membri del club John Jenkins riserva ogni anno qualche miniatura dedicata alle collezioni quasi complete ovvero quelle in via di esaurimento ma per le quali è ancora viva la richiesta degli appassionati. È spesso il caso della battaglia di Monogahela o quella di Culloden o di Chippewa che non sono più oggetto di realizzazioni frequenti ma per cui un soggetto aggiuntivo di tanto in tanto non dispiace affatto ai collezionisti.

Il George Washington a cavallo annunciato in agosto (cod. JJDCLUB-017) e il generale francese De Montcalm (cod. JJDCLUB-018) visto in master lo scorso mese sono due esempi concreti.
Del secondo è ora disponibile la foto della edizione dipinta con una sgargiante e inusuale giacca rossa mentre è già pronto il master di uno stupendo portastendardo del reggimento Royal Ecossais giacobita (cod. JJCLUB-019) e, nella stessa foto di anteprima, è visibile anche un tamburino francese del periodo franco-indiano che per ora non sappiamo a quale reggimento apparterrà; probabilmente al Bearn di recente uscita ancora in fase di completamento da parte dell’autore.
Ancora per il capitolo nordamericano della guerra dei sette anni saranno presto in vendita la graziosa e drammatica scenetta del pellerossa che assale il soldato inglese alle spalle già vista in master (cod. QB-044) e due nuovi indiani a cavallo dalla scultura simile ma dalla pittura diversa (codici RSF-024A e RSF-024B).
La scenetta è senz’altro attraente e ha giù riscosso vivo apprezzamento tra gli appassionati che non vedono l’ora di averla in vetrina e un ulteriore set di un indiano che attacca un soldato è in via di realizzazione. In verità molti collezionisti si domandano a quale raccolta specifica queste scenette possano riferirsi ma come sappiamo a volte l’artista si diverte a scolpire ciò che lo intriga di più e non è escluso che Jenkins non pensasse a nessuna collezione in particolare nel modellare i due figurini. Visto che si tratta di soldati del 35° reggimento presenti alla resa e abbandono di Fort Wlliam Henry e del successivo attacco indiano, è probabile che lo scultore avesse in mente  proprio quell’evento.
Comunque sia possiamo immaginare che nelle foreste selvagge di quei tempi possa essersi benissimo verificata una situazione del genere e rappresentare un fila di britannici cadere in una imboscata tesa loro dagli acerrimi nemici francesi e i loro alleati dalla pelle rossa.
Intanto è stata già annunciata la realizzazione di un nuovo reggimento britannico per questo periodo, si tratta del 60° reggimento di fanteria Royal American che tra gli altri episodi bellici partecipò alle battaglie di Ticonderoga, Louisbourg e Quebec.

Per la battaglia di Leuthen del 1757 è finalmente pronto il sergente con la picca che ancora mancava all’appello in quella collezione e che si può notare sulla sinistra del famoso dipinto di Carl Roechling da cui Jenkins ha preso spunto (cod. LEUT-011). A meno di qualche altra miniatura relativa al fronte opposto austriaco sembra che questa serie sia giunta al termine ma qualche altro figurino potrebbe sempre apparire tra i set del Club.

Altro cavallo di battaglia della JJD è la prima guerra mondiale che in verità tutti i produttori di soldatini stanno prendendo in considerazione ma che l’artista gallese sta affrontando con particolare determinazione e talento replicando aerei e veicoli militari degli eserciti coinvolti sul fronte occidentale poco conosciuti e spesso mai realizzati precedentemente dagli altri fabbricanti della scala 1:30.
È il caso dell’autocarro inglese Thorneycroft color verde oliva, già uscito in maggio in versione telonata e questo mese in arrivo con pianale posteriore e cannone antiaereo (cod. GWB-050). Egregiamente modellato il camion lascia piacevolmente meravigliati per il gran numero di dettagli che contiene, non ultime le sezioni in legno da sistemare sotto i montanti idraulici di equilibrio.
In seguito saranno prodotti gli artiglieri addetti al fuoco antiaereo.
Prosegue anche l’uscita della fanteria australiana che questa volta è presente con un ufficiale con revolver e bastone pronto a dare il segnale di attacco, tre sculture uguali con distintivi diversi per i tre battaglioni della 5a divisione (codici GWA-02-31, 02-53 e 02-60).

In arrivo l’equipaggio del carro Whippet ‘CaesarII’ già in commercio per il quale Jenkins presenta un soldato in torretta con elmetto (cod. GWB-02A) e il comandante tenente Sewell a terra vicino al veicolo mentre presta soccorso ad un soldato ferito (cod. GWB-02B).
Il tenente venne ucciso durante l’azione e meritò la Victoria Cross per la sua abnegazione.
Sarà disponibile anche l’equipaggio dell’autoblindo inglese Austin del 17° battaglione composto da due soldati in torretta di cui uno a mezzobusto (cod. GWB-12A).
Infine per Natale ritorna il figurino del pilota Santa Claus già realizzato lo scorso anno (cod. ACE-X).

Chiudiamo con una nuova miniatura dedicata alla collezione cinese ‘Old Yangshuo 1899’ inaugurata di recente. Un secondo pescatore con due ‘aiutanti’ cormorani sulle spalle è in arrivo per i cultori di quella suggestiva serie (cod. YANG-02).



THOMAS GUNN
1/30 - 60mm


Il mese scorso TG ha comunicato il lancio di un nuovo filone dedicato al fronte del sud est asiatico della seconda guerra mondiale. Il tema non è stato molto trattato in precedenza, se non in modo parziale, dai produttori di soldatini e c’è a nostro avviso un certo interesse sull’argomento.
Due set di soldati australiani e due di soldati giapponesi saranno a disposizione per la metà di ottobre mentre altri sono già stati annunciati per i mesi prossimi.
Un giapponese a terra porta la mano alla baionetta (cod. RS-003) mentre due suoi commilitoni sparano con una mitragliatrice MG (cod. RS-004). Una coppia di australiani manovra un mitragliatore Bren (cod. RS-005) e un terzo in ginocchio con mitra si guarda intorno in cerca del nemico (cod. RS-006).

La serie della legione straniera in Messico continua con due set di soldati in piedi nell’atto di ricaricare i loro moschetti (codici MADFFL-007 e 008) mentre per le guerre Zulu avremo due soldati inglesi in camicia da fatica uno in ginocchio con casco coloniale e il secondo steso a terra con cappello di tela (cod. SFA-018). In arrivo un barbuto legionario francese del Sahara inginocchiato appoggiato al suo fucile.

La prima guerra mondiale è rappresentata da due soldati americani a terra con maschera antigas (codici GW-29B e 30B), due marines francesi con ponpon sul cappellino uno intento a lanciare una granata e il secondo a sparare con il fucile (codici GW-038B e 039B) e un arabo morto accanto al suo moschetto (cod. LOA-014).

In chiusura per la seconda guerra mondiale in Europa un interessante meccanico della Luftwaffe con scaletta (cod. LUFT-013A) e una coppia di Fallschrmjaeger tedeschi in tenuta invernale bianca distesi a terra con apparato radio e tanti accessori nella confezione (cod. FJ-013A).

 
 
Torna ai contenuti | Torna al menu