SETTEMBRE 2011 - www.charlesgarage.com

Vai ai contenuti

Menu principale:

SETTEMBRE 2011

NOVITA' > SOLDATINI > 2011



SETTEMBRE 2011
LE NOVITA'




JOHN JENKINS DESIGNS
1/32 - 60mm


Le novità per l'autunno della John Jenkins Designs, a parte la battaglia di Culloden ancora in attesa di nuovi set, riguardano tutte le collezioni del grande produttore gallese.
Finalmente ritorna con due belle realizzazioni la guerra Franco Indiana mentre per gli appassionati di aeronautica arriva uno splendido Fokker DRVII 5125 tedesco della prima guerra mondiale.

Questo rivoluzionario e temibile aereo aveva tutte le qualità per competere alla grande con i Camel e gli Spad alleati, per fortuna di questi ultimi l'aeroplano tedesco entrò in servizio solo nell'estate del 1918 e nell'autunno successivo l'armistizio mise fine al sanguinoso conflitto mondiale.
Molti dei velivoli impiegati dai tedeschi andarono agli alleati e la flotta aerea germanica fu così smembrata tra le potenze vincitrici.
Il Fokker riprodotto da Jenkins per la serie 'Knights of the Skies' (cod. ACE-09) in una livrea completamente bianco panna venne pilotato da un allora semisconosciuto Hermann Goering, l'ufficiale che sarebbe divenuto in seguito con l'avvento del nazismo il comandante in capo della Luftwaffe, l'aviazione germanica.
Proprio Goering è il figurino che accompagna l'aereo immacolato con le sottili croci nere, ovviamente in versione giovanile nella scura uniforme di volo, mentre impugna il bastone del comando della sua squadriglia Jasta (acronimo di Jagdstaffel) ereditata dal deceduto Barone Rosso (cod. ACE-09P).

Restando in tema di aeronautica tedesca andiamo avanti di qualche anno e precisamente nel 1936 quando il contingente della Legione Condor venne inviato da Hitler in supporto alle truppe nazionaliste di Franco durante la Guerra Civile Spagnola.
Per questa serie la JJD presenta una coppia di militari tedeschi (cod. COND-06), un pilota ed un sottufficiale delle unità di segnalazione, che risultano perfetti collocati accanto al caccia Me-109 presentato il mese scorso. Molto ben scolpiti i due, specialmente il pilota intento ad allacciarsi il giubbotto salvagente giallo.

Per la folta schiera degli amanti delle guerre franco-indiane ecco la tanto attesa trincea di tronchi francese per la battaglia di Carillon (Ticonderoga). Si tratta per ora della prima sezione e Jenkins informa che la seconda parte sarà disponibile solo il prossimo Novembre (cod. TT-01). Peccato non poter avere tutta la struttura subito ma come sappiamo la produzione ha i suoi tempi e non c'è che attendere pazientemente. Nel frattempo possiamo iniziare a fare il conto di quanti pezzi potremo avere bisogno per allestire un fronte adatto allo spazio disponibile in vetrina.
L'autore ci fa sapere che la sezione in arrivo è lunga circa 25cm, altrettanto riteniamo sarà la seconda, perciò su queste basi possiamo fare un calcolo di massima e ordinare i pezzi necessari.

Ancora per il conflitto anglo-francese in Nord America è in arrivo un altro atteso set annunciato già da qualche tempo. È un bellissimo 'Supply Wagon' (carro rifornimento o approvvigionamento) inglese come quelli utilizzati dal Generale Braddock nei primi giorni della sua avanzata verso Fort Duquesne (cod. BAL-06).
Sappiamo dai resoconti della spedizione (che terminò tragicamente con la disfatta di Monongahela) che questi veicoli furono fatti tornare indietro dopo pochi giorni perché, troppo ingombranti per gli stretti sentieri della foresta, ritardavano il cammino della colonna britannica.
Comunque anche se non presente alla battaglia il carro potrà rappresentare un magnifico accessorio da esporre nel forte ovvero potrà servire a creare un convoglio militare in movimento unitamente ai set già presenti in collezione come il carro munizioni, il piccolo carro coperto o ancora lo stupendo traino di artiglieria.
Per tirare l'imponente carriaggio andranno bene i due cavalli già in catalogo (cod. BAL-03) che verranno riassortiti presso i rivenditori.

Anche la collezione dedicata alla guerra nel Sudan ha le sue novità e anche queste molto attese dai collezionisti che chiedevano da tempo un ufficiale per il quadrato dei Gordon e qualche nemico da opporre al quadrato stesso.
Ecco allora pronti per settembre un baffuto ufficiale scozzese con sciabola in una mano e pistola nell'altra mentre grida ordini ai suoi uomini (cod. GDH-10) e una coppia di guerrieri feriti Beja dell'armata del Mahdi con spade, lance e scudi nella loro uniforme davvero essenziale (cod. MAD-04).

Per finire Jenkins invia una foto del figurino dipinto del Collector Set n.11, il capitano statunitense Nathan Towson, comandante della prima brigata di artiglieria alla battaglia di Chippewa del luglio 1814.
Un valoroso e abile ufficiale che riuscì con i suoi uomini a mettere fuori uso molti dei cannoni britannici contribuendo così alla vittoria americana in quello scontro.

Alcune notizie in arrivo dalla Germania, dove John Jenkins ha fatto tappa in agosto per incontrare i collezionisti, informano che l'artista ha mostrato ad alcuni rivenditori tedeschi dei master raffiguranti dei granatieri prussiani relativi alla Guerra dei Sette Anni. Questo potrebbe voler dire che il produttore è intenzionato a non limitarsi allo scenario nord-americano ma a lanciare una nuova collezione riguardante quel conflitto del diciottesimo secolo combattuto sul suolo europeo.
La cosa non può farci che piacere, staremo a vedere come evolveranno le cose.





KING & COUNTRY
1/32 - 60mm


King&Country riprende in settembre la collezione dedicata allo sbarco in Normandia presentando un gruppo di set davvero interessanti per chi ama le ambientazioni non di prima linea ma quelle di retrovia, tanto per intenderci quei diorami che non prevedono azioni di guerra.

È il caso delle novità di questo mese che vedono primeggiare un set molto attraente i cui personaggi principali sono il generale americano Dwight D. Eisenhower e la sua autista.
Il comandante alleato è raffigurato infatti durante un giro di ispezione nel sud dell'Inghilterra nella primavera del 1944 e usa come mezzo di trasporto una deliziosa Ford militare (US Army Staff Car) guidata da una altrettanto deliziosa ausiliaria, una certa Kay Summersby (cod. DD-154SL).
Si racconta che la signorina in questione, inquadrata nelle WAC (US Women's Army Corp), servì il generale per oltre tre anni dal 1942 fino alla fine del conflitto e lasciò l'esercito con il grado di capitano nel 1947.
Come si intuisce dal codice questo set sarà strettamente limitato a 750 esemplari.

Seguono per la stessa serie un agente della Polizia Militare inglese mentre saluta (cod. DD-155), un ufficiale americano della scorta di Eisenhower (cod. DD-156), un soldato della MP statunitense (cod. DD-157), il generale Omar Bradley che accompagna il comandante in capo nella ispezione (cod. DD-158) e un militare americano in atto di presentare le armi (cod. DD-159).

Anche K&C si cimenta nell'avventura aeronautica riguardante la prima guerra mondiale e come primo aeromobile presenta tre versioni dell'aeroplano tedesco Albatros DV.
Per quale motivo Andy Neilson abbia scelto proprio questo periodo per presentare i biplani della Grande Guerra non è in verità molto comprensibile. Infatti la JJD ha inaugurato da qualche mese una collezione analoga e con modelli di tutto rispetto. Perchè allora entrare in una competizione così diretta e, con la prossima uscita, addirittura con lo stesso aereo, il Fokker DR7?
Secondo diversi collezionisti la cosa sembra un tantino sospetta. Si domandano perchè con tutte le serie da sviluppare si decide di produrre qualcosa che è già in offerta sul mercato? E perchè allora non ad un prezzo più competitivo? Il limitatissimo numero di esemplari disponibili nel mondo (150) accresce le perplessità anzichè attenuarle.
Qualche maligno avanza l'ipotesi che sia iniziata una silenziosa resa dei conti nei cieli di Hong Kong. Il che sarebbe una vera iattura per i collezionisti.

Torniamo agli Albatros e vediamo che il primo esemplare è in colore rosso e non può che appartenere al Barone Rosso Manfred Von Richtofen prima della consegna del più competitivo Fokker (cod. FW-098), il secondo bianco, nero e viola è del pilota Hermann Goering (cod. FW-099) e il terzo in una sgargiante livrea multicolore del tenente Werner Voss (cod. FW-105). A nostro avviso tutti i modelli hanno un aspetto un pò troppo lucido e pulito come se fossero appena usciti dalle officine aeronautiche!
I rispettivi piloti sono compresi nella confezione e in vendita anche a parte. Con le prossime uscite del Fokker di cui dicevamo prima saranno disponibili i figurini di piloti (solo il busto) da inserire negli abitacoli.
Come già detto la produzione di questi aerei sarà veramente limitata e pare che alcuni rivenditori in giro per il globo abbiano già esaurito la disponibilità loro assegnata a causa del gran numero di prenotazioni.
Chi fosse seriamente interessato è avvertito.

Rimanendo nel campo aeronautico K&C fa una veloce incursione nella collezione Luftwaffe e ci presenta un solo set raffigurante ancora il Feldmaresciallo Hermann Goering (questo mese è tutto per lui!) mentre conversa con i due assi dell'aviazione tedesca Adolf Galland e Werner Molders (cod. LW-048) davanti ad un piccolo tavolo rotondo.
Sembra che il comandante in capo, recatosi in Francia per ispezionare i suoi squadroni, colse l'occasione per chiedere ai due ufficiali piloti perché fosse così difficile conquistare il dominio dei cieli contro la nemica Gran Bretagna. I due risposero che la cosa sarebbe stata possibile ma avendo a disposizione delle squadriglie di Spitfire!
Pare che la risposta non piacque assolutamente al Feldmaresciallo.

Un altro ritorno riguarda la collezione Berlino 1938 per la quale il produttore di Hong Kong presenta ben nove nuovi set.
Si comincia con tre SS portastendardo, due in marcia e uno sull'attenti (codici LAH-139, 140 e 142), segue un ufficiale sull'attenti con sciabola (cod. LAH-143), una simpatica scenetta di padre e figlio in uniforme il primo delle SS e il secondo della HJ (cod. LAH-144), il funesto capo delle SS Himmler in uniforme grigia (cod. LAH-145) ed infine uno dei più violenti generali delle SS, Joseph 'Sepp' Dietrich (cod. LAH-146).
A chiudere questa panoramica abbiamo ancora un mezzo cingolato Panzerjager 1 in colore grigio Wermacht con tanto di comandante in dotazione alla Leibstandarte (cod. LAH-149) e un lampione con due braccia a cui appendere una coppia di drappi nazisti, rossi con svastica davanti e neri con insegna SS sul retro (cod. LAH-150).

Per finire con le novità settembrine esaminiamo due set che appartengono alla collezione della Cina Imperiale. Si tratta di due personaggi famosi nella storia di quel paese.
Il primo è il generale Zhou Yu, valoroso guerriero ma anche talentuoso poeta e musicista (cod. IC-036). Il secondo riproduce il generale Zhuge Liang, valente stratega e uomo di stato durante il periodo dei 'Tre Regni' (cod. IC-037).





THOMAS GUNN MINIATURES
1/32 - 60mm

Qualche novità della THOMAS GUNN per i patiti dei veicoli della seconda guerra mondiale.

Il produttore inglese presenta un Dodge WC54 della Military Police americana in due versioni, primaverile e invernale, e per la parte opposta un camion Krupp tedesco delle SS anche questo in doppia versione, Normandia e Afrika Korps.
Ben riprodotti ambedue gli automezzi ma a nostro parere il Dodge ha il parabrezza un po' troppo piccolo.
Tutti con autista in più il Krupp ha sulla parte posteriore un soldato tedesco impegnato a sparare mentre un commilitone è accasciato ferito sul fondo dell'autocarro.
Le pose di questo set fanno pensare a un agguato ai danni delle SS e consentono di creare una scenetta in cui coinvolgere vari figurini.





 
Torna ai contenuti | Torna al menu