SETTEMBRE 2013 - www.charlesgarage.com

Vai ai contenuti

Menu principale:

SETTEMBRE 2013

NOVITA' > SOLDATINI > 2013



KING & COUNTRY
1/30 - 60mm


Il grande successo ottenuto dai set dedicati alla Wehrmacht tedesca del primo periodo della seconda guerra mondiale induce il noto produttore di HK a ‘battere il ferro finché è caldo’ e per questo sono in programma, per settembre e per i mesi a venire, molti veicoli e figurini in grigio-verde del periodo 1939-40.
La tematica è ampia quanto il favore dei collezionisti e c’è molto da ‘pescare’ tra i mezzi utilizzati in quel periodo dall’esercito tedesco nel classico colore grigio, tra cui molti inediti nella produzione in miniatura.
È il caso della piccola autoblindo ‘Adler Kfz.13’ (cod. WS-246) presentata a sorpresa da King&Country questo mese insieme ad un paio di set di figurini molto interessanti.
Già obsoleta agli inizi del secondo conflitto mondiale (fu infatti progettata alla fine degli anni venti) la Adler trovò comunque ampio utilizzo nelle invasioni di Polonia e Francia e in seguito anche nelle prime fasi dell’Operazione Barbarossa.
Unitamente a questo insolito veicolo (senza conducente) fanno il loro ingresso una simpatica coppia di soldati uno dei quali in ginocchio armato di chiave inglese intento a riparare l’auto mentre il compagno guarda impaziente l’orologio forse perché il guasto provocherà un ritardo alla loro missione (cod. WS-249), e poi un singolo appartenente alla Polizia Militare con moschetto in spalla impegnato a controllare dei documenti (cod. WS-250).
Molto attraenti ambedue i set che troveranno sicuramente il loro posto ideale in qualche diorama diciamo così ‘non combattente’ mentre al contrario saranno tutti soldati tedeschi in azione (almeno una dozzina) quelli che Andy Neilson ha presentato al recente Toy Soldier Show di Chicago (vedi foto a lato).

Ancora alla seconda guerra appartengono un gruppo di set relativi all’Armata Rossa tra cui, anche qui, un inedito veicolo molto utilizzato dall’esercito sovietico contro le truppe naziste.
Si tratta dell’autoblindo leggero 4x4 BA-64B progettato intorno al 1942 sullo chassis della GAZ 67B che conteneva un equipaggio di due uomini (cod. RA-049). Diversi di questi mezzi furono catturati dai tedeschi, ridipinti e usati contro gli stessi soldati russi e con molta probabilità vedremo in seguito l’uscita di questa ulteriore versione.
A proposito di soldati russi ecco i figurini disponibili a settembre: due pose interessanti di un fante ferito (cod. RA-022) e di uno che si arrende (cod. RA-023), seguono un generale in cappotto marrone pesante (cod. RA-027), un ufficiale che fa cenno ai suoi di seguirlo (cod. RA-050) e un paio di soldati che avanzano dietro di lui (codici RA-051 e 052).

Per concludere la tematica conflitto mondiale K&C non fa mancare anche un mezzo blindato degli alleati anglo-americani. Per la precisione trattasi di un carro leggero M3A3 Stuart dell’esercito britannico appartenente alla seconda brigata motorizzata parte della 7° Divisione Meccanizzata meglio nota come ‘i ratti del deserto’ (cod. DD-223).
Con il suo comandante in torretta il carro è superlativo come lo sono sempre i mezzi prodotti dal leader del settore K&C.

Facciamo qualche passo a ritroso per spostarci dal secondo al primo conflitto mondiale.
Qui troviamo una magnifica auto trasporto ufficiali nei colori dell’esercito turco in Medio Oriente con autista al volante in fez rosso e mezzaluna rossa sulle portiere (cod. AL-056).
Si tratta della stessa automobile tedesca utilizzata qualche anno fa per la collezione della Prima Guerra ora riadattata da K&C per l’armata Ottomana in colore sabbia. L’autista naturalmente attende il passeggero che è rappresentato dal comandante turco in persona con mantello, fez e aria severa sul volto (cod. AL-055).
Per sottolineare come i Turchi in quella guerra fossero alleati dei tedeschi che fornivano loro ufficiali per l’addestramento delle truppe, ecco pronto un ufficiale germanico in rigorosa tenuta tropicale con pistola alla mano mentre con l’altra si ripara dalla luce del sole (cod. AL-054).

Un’altra collezione molto seguita e nella quale K&C sta investendo grandi energie è ‘il ritorno a Little Big Horn’ che vede questo mese l’uscita di altri cinque drammatici set tra cui un paio di stupende scenette.
La prima affascinante e brutale al contempo mostra un guerriero Sioux chinato a finire con il coltello un malcapitato cavalleggero (cod. TRW-048), seguono un soldato spaurito che ricarica il fucile (cod. TRW-049), un altro colpito a morte insieme al suo cavallo (cod. TRW-050), due 'giacche blu' una accanto all’altra mentre con carabina e revolver sparano i loro ultimi colpi contro i pellerossa (cod. TRW-051) e per finire un ufficiale anche lui impegnato a scaricare sul nemico le ultime cartucce in una ormai inutile resistenza (cod. TRW-052).

Restiamo in America per ammirare l’ultimo gruppo di miniature di settembre 2013.
Un tuffo nella Guerra di Indipendenza contro la Gran Bretagna ci presenta il comandante in capo dell’esercito americano Generale George Washington in persona con tre uomini della sua guardia personale.
Già realizzato più volte a cavallo qui il generale è a piedi con feluca e bastone di comando (cod. AR-072) mentre le sue guardie in giacca blu e panciotto rosso sono in pose classiche di pied-arm, present-arm e di marcia (codici AR-073, 074 e 075).

Intanto si fanno più insistenti le voci della prossima presentazione di una linea di soldatini in resina dipinta e dal prezzo più abbordabile rispetto a quella classica in metallo e di cui abbiamo già accennato in passato. Restiamo a vedere cosa ci riserva per il futuro il direttore creativo Mr Neilson.



SETTEMBRE 2013
LE NOVITA'



JOHN JENKINS DESIGNS
1/30 - 60mm


Prosegue il viaggio di John Jenkins Designs alla scoperta dei mezzi più inconsueti nel panorama della Prima Guerra Mondiale.
Ci è ormai chiaro che questo artista ama confrontarsi con aerei, veicoli, carri e quant’altro assolutamente fuori dal comune e bisogna dire che l’abilità dello scultore è tale che ogni pezzo risulta alla fine un vero capolavoro.
Non tutti amano collezionare questo periodo storico ma dobbiamo riconoscere che su questo tema al giorno d’oggi non c’è altro produttore che può competere con JJD.

Detto ciò andiamo ad ammirare l’ultimo dei sorprendenti blindati nati dalle mani del nostro gallese di HK che rappresenta un carro pesante francese Saint-Chamond (cod. GWF-06).
Questo modellone riproduce uno degli oltre quattrocento carri prodotti in Francia nel 1917-18 che, pur con molti difetti di progettazione, risultò molto efficiente in combattimento specialmente in campo aperto.
Una foto di presentazione ci anticipa un comandante e alcuni splendidi fantaccini francesi che si fanno trasportare dal corazzato e che saranno disponibili nel 2014.
 
Ancora alla Grande Guerra appartengono un paio di simpatici piloti a mezzo busto, uno inglese e l’altro tedesco, da utilizzare negli abitacoli degli aerei prodotti da JJD pronti a sfidarsi a colpi di pistola (cod. ACEBGD-1) e un altrettanto delizioso set raffigurante una attraente infermiera inglese impegnata a sostenere un ‘fortunato’ pilota ferito (cod. BGC-12).
In anteprima mostriamo un eccezionale modello di carro Mark I trasporto artiglieria e rifornimenti usato dalla Gran Bretagna tra il 1917 e il 1918 che poteva contenere al suo interno un cannone da 6 libbre. Questo affascinante ‘mostro’ realizzato dalle abili mani di John Jenkins è stato presentato al Toy Soldiier Show di Chicago lo scorso 21 settembre.

Archiviamo la guerra moderna e passiamo a qualcosa attinente i secoli precedenti.
Per la Guerra dei Sette Anni combattuta in Europa vediamo arrivare due nuove pose del reggimento mercenario Roth Wuerzburg al soldo dell’Austria da sistemare sulle mura di cinta della chiesa di Leuthen in confezioni da due e quattro figurini (codici ROT-02 e ROT-02N).
Per la stessa guerra, combattuta però oltre Oceano, abbiamo invece in scatole da uno o quattro soldatini un nuovo granatiere britannico in marcia del 35° Reggimento (codici QB-39 e QB-39N) relativo alla battaglia dei Piani di Abraham mentre per la ‘resuscitata’ collezione St. Francis troviamo una coppia di personaggi che ci ricordano da vicino uno dei primi set realizzati da Jenkins per la ditta Frontline.
Infatti con grande entusiasmo vediamo riproposti un ufficiale dei Rangers di Rogers in azione accompagnato da uno smagliante Scout indiano accucciato a scrutare il terreno (cod. RR-08).
Un gradito ritorno al passato che fa ben sperare per il futuro. In una foto del sito della JJD si possono vedere anche tre figurini di fanciulli indiani che speriamo vengano prodotti presto nella stessa serie.

Per finire all’esercito portoghese nel periodo napoleonico sono dedicati due fanti di linea in posizione di attenti, il primo con pantaloni blu e il secondo con pantaloni bianchi, che saranno in vendita sia nella confezione singola (cod. PORT-08B e PORT-08W) che in quella da quattro, due per tipo (cod. PORT-08N).




WILLIAM BRITAIN
1/32 - 54mm


La famosa ditta anglo-americana comunica con un certo anticipo i set in programma per la fine del 2013 e inizio 2014 non specificando il mese di realizzazione. Di solito rispetto alle previsioni di uscita si verifica sempre un lieve ritardo ma questo serve anche a tenere i collezionisti in trepida e stimolante attesa.
Per la fine dell’anno avremo perciò alcune novità relative alle guerre Zulu che riguarderanno sia la battaglia combattuta ad Isandlwana che la resistenza del 24° reggimento britannico a Rorke’s Drift (1879).

Per il primo evento troviamo una coppia di ufficiali inglesi combattere schiena contro schiena (cod. 20139), un carro trasporto acqua senza inservienti (cod. 20114), un paio di nativi neri appartenenti al contingente del Natal (codici 20133 e 20134) e un gruppo di guerrieri Zulu in varie pose di combattimento (codici 20136, 20137, 20138 e 20140).
Per ricreare lo scontro avvenuto intorno al recinto della missione africana molto interessante un set composto da una piccola trincea di sacchi con due Zulu morti a ridosso (cod. 20127) e due soldati di Sua Maestà che parteciparono alla battaglia ma non facevano parte del 24°: sono il caporale Graham del 90° e il sergente Milne del 3° reggimento East Kent (codici 20141 e 20142).
È intanto disponibile sul sito della William Britain il set numero 20101 che avrebbe dovuto essere venduto in esclusiva dalla catena di modellismo britannica Modelzone.
Dopo il fallimento di quest’ultima, e visto che i figurini erano ormai pronti, è stato deciso che la vendita sarebbe stata effettuata direttamente dalla ditta produttrice. Pertanto chi vuole prenotare la scenetta può collegarsi al sito suddetto e compilare l’ordine.
In verità non comprendiamo perché non si siano seguiti i normali canali di distribuzione.

Per i primi mesi del 2014 avremo invece i primi set di una nuovissima collezione che la WB sta pubblicizzando proprio in questi giorni su magazine e forum.
Si tratta di una serie dedicata allo scontro tra potenze europee, il titolo inglese è infatti ‘Clash of Empires’, avvenuto nel lasso di tempo che va dal 1750 fino alla fine del XVIII° secolo e comprenderà probabilmente tutti i maggiori conflitti in ogni parte del globo che Gran Bretagna, Francia, Spagna e altri paesi combatterono per le conquiste territoriali in ogni continente. Le guerre Franco-Indiane sono ovviamente comprese nel gruppo.
A questi ultimi avvenimenti del Nord America sono dedicati i tre set iniziali che raffigurano tre indiani delle foreste del nordest, uno in avanzamento con moschetto, uno all’attacco con ascia e coltello e un terzo inginocchiato intento a sparare (codici 16000, 16001 e 16002).

Altre due serie molto seguite dagli appassionati, la guerra lungo il Nilo e la RAF della seconda guerra mondiale, avranno i loro figurini di riferimento.
Per la collezione del Sudan saranno disponibili un paio di interessanti scenette di combattimento corpo a corpo tra guerrieri Mahdisti e soldati britannici (codici 27012 e 27057) mentre per la Royal Air Force sono previsti una coppietta composta da un ufficiale e una signorina in atteggiamento affettuoso (cod. 25025), un poliziotto militare dalla scultura un po’ troppo rigida (cod. 25021), un aviere in bicicletta (cod. 25024) ed infine due utili accessori per ambientazioni, una garitta di sentinella con sbarra di accesso (cod. 51019) e due muretti di sacchi (cod. 51020).
Per il momento sembra tutto.



FIRST LEGION
1/30 - 60mm



La ditta guidata da Matt Pavone continua a sfornare decine di figurini ogni mese per vecchie e nuove collezioni. Bisogna ammettere che la capacità produttiva di First Legion è notevole come notevole è la qualità delle sue miniature. Il problema è proprio quello di riuscire a star dietro a tanta offerta, visti anche i prezzi non certo popolari, e resistere al fascino che questi soldatini sprigionano.
La scelta è ormai larghissima e le serie coprono tutti i principali periodi storici dai Greci alla guerra del Vietnam passando per l'antica Roma, il Medioevo, le Crociate, Napoleone, la guerra dei Sette Anni, la guerra di Indipendenza e la guerra Civile Americana senza dimenticare la seconda guerra mondiale.

Poiché la Grande Guerra era stata finora trascurata ecco che questo prolifico produttore provvede a riempire il vuoto ed annunciare i primi set dedicati al primo conflitto mondiale che senza dubbio intrigheranno molti appassionati.
Per ora sono stati rivelati solo alcuni soldati tedeschi in varie situazioni di combattimento ma possiamo scommettere che molto altro seguirà. La scultura è come al solito molto raffinata sia nella dinamicità che nelle sembianze.  

Altre novità sono annunciate per la battaglia di Agincourt (o Azincourt) combattuta nell’ottobre del 1415 tra l’esercito francese di Carlo VI e quello inglese invasore di Enrico V. Come si sa quest’ultimo ebbe la meglio sulla più numerosa armata nemica anche grazie al valore e alla destrezza degli arcieri britannici.
Proprio a questi ultimi è dedicato un gruppo di nove miniature (da codice MED-022 a MED-030) scolpite nell’atto di scoccare le loro micidiali frecce contro la cavalleria francese impantanata sul campo di battaglia appesantito dalla pioggia.
Allo stesso avvenimento appartengono una dozzina di set (da codice MED-010 a MED-021) raffiguranti dei colorati armigeri francesi in dinamiche pose di combattimento.
Alla collezione relativa alle Crociate saranno presto disponibili cinque nuovi cavalieri che riprodurranno altrettanti figurini già realizzati ma con colorazioni differenti (codici da CRU-068 a CRU-072).

Chiudiamo con le due notevoli realizzazioni a cavallo dei comandanti in capo degli eserciti contrapposti alla Guerra di Indipendenza Americana, da una parte il generale britannico Charles Cornwallis e i suoi due amati cani e dall’altra il generale George Washington con sciabola sguainata (codici AWI-056 e 057).

 
 
 
Torna ai contenuti | Torna al menu