ZULU WAR HAND TO HAND - www.charlesgarage.com

Vai ai contenuti

Menu principale:

ZULU WAR HAND TO HAND

TEMATICHE > SOLDATINI


ZULU WAR
RORKE'S DRIFT
le scenette della BRITAINS


LA STORIA


Il 22 gennaio del 1879, durante la prima invasione britannica dello Zululand (Sud Africa), ebbe luogo nei pressi dell’omonima montagna la violenta battaglia di Isandlwana, una delle disfatte più sanguinose subìte dall’esercito inglese nel diciannovesimo secolo.  
Il fatale errore di sottovalutare l’avversario e dividere le proprie forze commesso dal comandante inglese Lord Chelmsford, fece sì che una enorme armata Zulu, circa ventimila guerrieri, si avventasse fulminea e spazzasse via in poche ore l’esigua e impreparata parte di esercito britannico rimasta al campo base allestito alle pendici del monte Isandlwana: 1800 uomini tra truppe regolari e volontari indigeni sparpagliati su un terreno molto vasto e privi di qualsiasi posizione difensiva.
La massa nera piombò sull’accampamento ed ebbe facile gioco nel travolgere ed annientare i pur valorosi soldati di Sua Maestà che, disposti senza riparo su una linea troppo estesa, non ebbero nessuna probabilità di scampo.
Nulla poterono i pezzi di artiglieria né le unità di lanciarazzi che furono sopraffatte in breve tempo e ridotte al silenzio.

Gli Zulu ebbero nonostante l’attacco a sorpresa un numero piuttosto elevato di caduti ma riuscirono ad impossessarsi di tutte le armi del contingente britannico compresi i cannoni e le munizioni. Pochissimi soldati inglesi riuscirono a sfuggire alla carneficina e mettersi in salvo nel Transvaal da dove erano partiti solo un mese prima.
Il resto della colonna, guidata da Chelmsford, rientrò in tarda serata al campo base dopo aver vagato l’intera giornata alla ricerca del nemico e trovò i commilitoni trucidati dagli Zulu che intanto si erano ritirati con il ricco bottino all’interno del loro territorio.

Subito dopo lo scontro di Isandlwana un piccolo contingente dell’esercito Zulu, circa 4500 guerrieri, che non aveva partecipato alla battaglia perché posizionato oltre la montagna verso il confine con il compito di intercettare gli eventuali fuggitivi inglesi, decise che doveva prendersi la sua parte di gloria e di bottino.
Per questo motivo il suo capo, il principe Dambulamanzi fratello del re Cetshwayo, guidò i suoi uomini contro la missione e i magazzini di Rorke’s Drift che si trovava sulle rive del fiume Buffalo e che rappresentava il centro di rifornimento e l’ospedale di retrovia delle truppe di Lord Chelmsford.

Questo avamposto isolato era difeso da una sola compagnia del 24° Reggimento di fanteria più alcuni componenti dei servizi sanitari e logistici per un totale di circa centoquaranta uomini.
Nonostante il rapporto impari tra i due contendenti i soldati inglesi, trincerati dietro una linea di sacchi di grano e di cassette di biscotti, riuscirono a tenere testa e respingere le soverchianti forze di Dambulamanzi per tutto il pomeriggio e la notte tra il 22 e il 23 gennaio 1879.
Quello che non era riuscito ai loro sfortunati camerati nel campo di Isandlwana per l’incapacità dei comandanti riuscì a questo sparuto pugno di valorosi che da dietro le loro precarie difese, con il nutrito fuoco dei micidiali fucili Martini-Henry e l’acciaio delle baionette, respinsero i numerosi attacchi degli Zulu che alla fine si ritirarono esausti lasciando sul terreno oltre cinquecento guerrieri tra morti e feriti.

Per il loro eroico comportamento ben undici difensori dell’avamposto si guadagnarono la Victoria Cross, il più alto riconoscimento al valore dell’esercito britannico e il numero più alto concesso per un’unica azione di guerra dalla costituzione della decorazione nel 1856.  

I SOLDATINI


Ai due avvenimenti di guerra di Isandlwana e di Rorke’s Drift è dedicata una delle collezioni più seguite del fabbricante William Britain, o della Britains, come è meglio conosciuta.
Queste due serie hanno riscosso sin da principio un enorme successo di pubblico e migliaia sono i collezionisti di tutto il mondo che accolgono con grande interesse le novità che questo produttore realizza costantemente ogni trimestre.
Nel tempo sono stati posti in vendita anche gli imponenti edifici dell’ospedale e del magazzino per ricreare, insieme ai trinceramenti, l’intero avamposto di Rorke’s Drift.
Tra quelli proposti dalla ditta anglo-americana molto interessanti sono i set relativi alla difesa della missione che raffigurano dei combattimenti ‘corpo a corpo’ tra un soldato inglese e un guerriero Zulu.

Finora quattro sono state le scenette dedicate ai duelli sulla linea dei sacchi di granaglie (20025, 20028, 20029 e 20030), una su quella delle casse di gallette (20084) e quattro i set riferiti ai combattimenti (svoltisi nella notte del 23) sostenuti per la difesa del Kraal, il recinto del bestiame (20101, 20102, 20115 e 20116).
Tre di questi, precisamente i codici 20025, 20084 e 20115, oggi piuttosto rari da reperire, sono stati messi in vendita in Gran Bretagna, rispettivamente nel 2009, 2011 e 2013, dalla catena di negozi di giocattoli Modelzone attualmente non più operativa.
Di seguito diamo l’elenco dei set ‘corpo a corpo’ usciti fino ad oggi solitamente in edizione limitata (accanto al codice il numero dei pezzi realizzati). Tra questi alcuni non sono propriamente riferiti ad uno specifico avvenimento della guerra Anglo-Zulu come quelli sopra citati.


La Britains ha riprodotto anche i muretti del Kraal (recinto del bestiame) che si trovava sulla sinistra del magazzino accanto alla ridotta di sacchi. Il primo set ha tre elementi dritti (cod. 51033) mentre il secondo ne ha tre angolari con cancello (cod. 51034).
Con uno del primo, due del secondo e i quattro set 'corpo a corpo' di cui accennavamo sopra si può ricreare il Kraal completo come era nella realtà in quella notte di aspri combattimenti.
Nella illustrazione tratta dal catalogo Britains si può vedere la composizione del recinto con i relativi codici.



20024 (2008)    ‘The Closing Stages of Isandlwana’        600
20025 (2009)    ‘Cold Steel’                                         500 (ModelZone EXCLUSIVE)
20028 (2009)    ‘Overwhelming Odds’                           600
20029 (2009)    'Defending the Wall'                            600
20030 (2009)    ‘Breaching the Wall’                             600
20084 (2011)    ‘Warrior Twilight’                                 300 (ModelZone EXCLUSIVE)
20101 (2013)    ‘Down But Not Out’ (Fight for the Kraal) set n.7 600 (CLUB EXCLUSIVE)
20102 (2013)    ‘The Bayonet’ (Fight for the Kraal) set 5 700
20105 (2012)    The Evacuation of the Hospital set n.3           
20115 (2013)    ‘Repulsed’ (Fight for the Kraal) set n.6   300 (ModelZone EXCLUSIVE)
20116 (2013)    ‘Thrust’ (Fight for the Kraal) set n.8       600
20120 (2012)    The Evacuation of the Hospital  set n.5          
20131 (2014)    ‘Stuck’                                               500 Hand-to-Hand Set
20146 (2014)    ’Thrust and Block!’                450 Hand-to-Hand Set  (SIERRA EXCL)

 
 
 
 
Torna ai contenuti | Torna al menu